Coronavirus: il bilancio globale delle vittime e gli ultimi aggiornamenti

Le stime superano le 3.000 persone in tutto il mondo, ma l’inversione di rotta sembra essere dietro l’angolo 

Il romanzo coronavirus, ha continuato la sua marcia in tutto il mondo, nonostante le restrizioni ai viaggi volte a ridurne la diffusione. Ma, le speranze di una risposta positiva, arrivano anche dall’economia mondiale coordinata dalle banche centrali. Questa azione, ha permesso di risollevare i mercati globali, già segnate da ingenti perdite della settimana appena trascorsa e, di evitare la bestia nera di una sicura recessione. Un'analisi genetica ha suggerito che il nuovo coronavirus, che causa una malattia respiratoria altamente infettiva chiamata covid-19, si è probabilmente diffuso inosservato per circa sei settimane.

Mentre il bilancio delle vittime globale, ha superato i 3.000, la Corea del Sud ha dichiarato lunedì di aver confermato 599 nuovi casi, molto più alti rispetto al conteggio giornaliero riportato in Cina. Con 4.335 infezioni confermate e almeno 22 decessi, la Corea del Sud ha il secondo maggior carico nazionale.  L'Italia, ha ora più di 1.600 casi confermati, mentre l'Iran ha superato i 1.500, con 66 morti. 

I virologi osservano tre possibili scenari di coronavirus

Nessuno sa con certezza come finirà la nuova epidemia di coronavirus, ma i virologi affermano che ci sono indizi di focolai simili, nel recente passato. Questi sono i tre scenari più rilevanti:

1. I funzionari sanitari, ottengono il controllo del coronavirus attraverso severe misure di sanità pubblica.

Quando la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), ha colpito l'Asia per la prima volta nel 2002, è stata piuttosto spaventosa, con un tasso di mortalità di circa il 10% e nessun farmaco dimostrato, efficace contro di essa. (L'attuale coronavirus a confronto ha un tasso di mortalità stimato, del 2,3 per cento). Ma nel giro di pochi mesi, la SARS è stata messa sotto controllo, e per lo più eliminata, dalla cooperazione internazionale e da severe misure di sanità pubblica della vecchia scuola come l'isolamento, quarantena e traccia dei contatti.

2. Il coronavirus, colpisce in primis i paesi meno sviluppati e le cose peggiorano molto prima di migliorare.

Una delle tristi lezioni dell'epidemia di Ebola 2014-2016 nell'Africa occidentale, è come un'epidemia può crescere, quando colpisce paesi con infrastrutture sanitarie più deboli. Questo è il motivo per cui l'Organizzazione mondiale della sanità e altri, hanno prestato così tanta attenzione alla preparazione dei paesi dell'Africa sub-sahariana per il coronavirus, anche se finora sono stati segnalati pochi casi.

3. Il nuovo coronavirus, si diffonde così ampiamente che diventa semplicemente un virus routinario.

Questo è essenzialmente ciò che è accaduto con l’epidemia di H1N1 del 2009. Si diffuse rapidamente, fino a raggiungere l'11-21% della popolazione mondiale. L'OMS, l'ha dichiarata una pandemia e la paura era diffusa e dilagante. L'H1N1, si è rivelato molto più mite di quanto inizialmente temuto, causando poco più di naso che cola e tosse, nella maggior parte delle persone. L’H1N1, è ora così banale, da essere visto semplicemente come una parte del ciclo stagionale influenzale ogni anno, nella popolazione globale.

Fermati con l’acquisto incontrollato di maschere!

Razzie e atteggiamenti da panico, non giovano a nessuno.

Tuttavia, è importante che la gente sappia in questo momento, il rischio, affinché possano comunque agire con responsabilità e giudizio. Ci sono cose che le persone possono fare per stare al sicuro. Ci sono cose che non dovrebbero fare. Una delle cose che non dovrebbero fare, è uscire e comprare maschere! In realtà non aiuta e non ha dimostrato di essere efficace nel prevenire la diffusione del coronavirus. Quando si indossano maschere protettive, coloro che incrociano questi soggetti e ne sono privi, tendono ad agitarsi e a toccarsi il viso nervosamente, aumentando effettivamente la diffusione, contaminandosi. Il tipo di maschera che richiede un "test di adattamento" è chiamato respiratore N95. Dovrebbe essere indossato strettamente sul viso di una persona, ed è pensato per proteggere chi lo indossa filtrando il 95% delle particelle sospese nell'aria.

L'altro tipo, chiamato maschera chirurgica, è poco aderente ed è principalmente destinato a proteggere il paziente o il mondo esterno dalle emissioni respiratorie di chi lo indossa. Non è considerato come protettivo per chi lo indossa. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, le uniche persone che dovrebbero indossare maschere, sono persone sane che si prendono cura di qualcuno che è malato o malato che tossisce o starnutisce quando sono in pubblico. La principale preoccupazione, è garantire invece, che i nostri operatori sanitari in prima linea, siano protetti e che dispongano delle attrezzature di cui hanno bisogno per svolgere il loro lavoro.

Quindi smettete di fare razzie! Ci sono modi più efficaci per prevenire la trasmissione, come lavarsi le mani regolarmente, non toccarsi il viso o la bocca e rimanere a casa dal lavoro o dalla scuola, quando si sente di star male.

Non è più pericoloso dell'influenza invernale

Gli affetti da coronavirus, non sperimenteranno nulla di peggio dei sintomi espressi da un'influenza stagionale, ma il profilo generale della malattia, incluso il suo tasso di mortalità, sembra più grave. All'inizio di un'epidemia, il tasso di mortalità apparente, può essere sopravvalutato se mancano molti casi lievi. 

I maggiormente inclini ad essere colpiti

La maggior parte delle persone che non sono anziane e non hanno condizioni avverse di salute, non si ammaleranno gravemente a causa di Covid-19. Ma la malattia, ha ancora maggiori probabilità di portare a gravi sintomi respiratori rispetto all'influenza stagionale e ci sono altri gruppi a rischio: gli operatori sanitari, ad esempio, sono i più vulnerabili perché hanno una maggiore esposizione al virus. Le azioni intraprese da persone giovani e sane, compresa la segnalazione dei sintomi e le istruzioni di quarantena, avranno un ruolo importante nella protezione delle persone più vulnerabili nella società e nella definizione della traiettoria generale dell'epidemia.

Un vaccino potrebbe essere pronto entro pochi mesi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli scienziati si sono attivati rapidamente, già all'inizio dello sviluppo del virus: un vaccino è possibile, grazie anche dal rilascio precoce della sequenza genetica, da parte di ricercatori cinesi. Lo sviluppo di un vaccino praticabile, è in ascesa. Tuttavia, le prove incrementali richieste, prima che un vaccino commerciale possa dichiararsi pronto ed essere lanciato, sono ancora precoci (queste tempistiche, seppur lunghe, sono necessarie a garanzia che vengano individuati anche effetti collaterali rari). Un vaccino disponibile in commercio, potrebbe dunque essere disponibile e fruibile, entro un anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento