Discarica a cielo aperto: gli eco-vandali colpiscono ancora

Sacchetti abbandonati in via Galanti a Lancenigo. Residenti esasperati chiedono l'intervento del Comune. E' il secondo caso di abbandono nell'arco di poche settimane

I rifiuti abbandonati (Foto di Carlo Baliviera)

A distanza di due settimane dall’ultima segnalazione al Comune, il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti continua ancora a far parlare i residenti della frazione di Lancenigo a Villorba.

Nella giornata di martedì 12 febbraio, via Galanti è finita ancora sotto assedio da parte dei furbetti del “sacchetto nero”. Tre sacchetti neri sono stati abbandonati lungo l’argine sinistro della strada. I residenti sono arrivati a supporre che il fantomatico “ecovandalo” agisca nel weekend approfittando del fatto che in quella zona non vi è alcuna videocamera di sorveglianza. «E’ mai possibile che non si riesca a trovare una soluzione mirata ed efficace per risolvere il problema del “degrado urbano” che sta colpendo questa via?» si domandano i residenti. In molte città sono già state prese chiare soluzioni per risolvere il problema dell’abbandono dei rifiuti, come ad esempio l’introduzione di qualche foto-trappola, in altre città, come a Limbiate in Lombardia, hanno introdotto la figura del “vigile ecologico”, in altre invece hanno creato addirittura dei gruppi WhatsApp per segnalare i vari disagi di degrado urbano. «Speriamo vivamente - concludono i residenti - che le nostre segnalazioni vengano prese in considerazione e che il Comune prenda gli opportuni provvedimenti per risolvere questo problema».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

  • Pancia gonfia? Ecco alcuni alimenti che la causano e opzioni sostitutive

Torna su
TrevisoToday è in caricamento