Rinasce l'abbazia di Sant'Eustachio: eventi durante tutta la primavera e l'estate

Da rudere abbandonato a vivace polo culturale: enogastronomia, storia e svago sulle colline del Montello. Saranno tantissime le iniziative culturali in programma nei prossimi mesi

Sedute di yoga, incontri culturali, degustazioni, corsi di galateo, cinema, concerti e aperitivi musicali. Il calendario delle iniziative organizzate presso l’Abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia è quanto mai ricco e variegato quest’anno.

Il monastero benedettino, risalente al 1062 e bombardato durante la Grande Guerra, è stato recentemente restaurato da Ermenegildo Giusti, proprietario dell’azienda vitivinicola Giusti Wine: il complesso è ora un luogo di attrazione per turisti, appassionati e abitanti del territorio e promette di diventare il principale polo di incontro e di cultura della zona, oltre a ergersi quale presidio storico e naturalistico della Marca trevisana e del Montello. Il calendario 2019, così com’è stato strutturato e progettato, non delude le aspettative. Oltre al cinema all’aperto, a concerti e aperitivi musicali previsti a partire da giugno, il monastero diventa location ideale ed esclusiva per diversi eventi e iniziative.

Se a primavera, l’Abbazia si trasformerà in cuore pulsante della spiritualità per praticare lo yoga e conoscere l’essenza mistica dei 5 elementi, ogni sabato fino a luglio, sarà la splendida cornice di una rassegna letteraria e culturale che vedrà protagoniste la storia, l’arte e la poesia. E per rendere onore a Monsignor Della Casa, che tra le mura dell’Abbazia scrisse nel 1549 il famoso testo “Il Galateo overo de' costumi”, Giuliana Meneghetti, ex cerimoniere della Provincia di Treviso, ci accompagnerà, a partire da maggio, verso la conoscenza delle buone maniere 2.0. Non mancheranno degustazioni di vini e prodotti locali in compagnia di esperti e gastronauti d’eccezione, come il giornalista, sommelier e docente Slow Food, Fabio Guerra, che dedica i quattro mercoledì di marzo al mondo dei formaggi, dei salumi, del pane e del vino. Tutti i mercoledì di marzo saranno dedicati all’enogastronomia. In Veneto esistono prodotti di antichissima tradizione culinaria, trasmessa fino ai giorni nostri grazie all’abilità di mani sapienti e alla qualità delle materie prime. L’Abbazia di Sant’Eustachio, che è stata in passato anche un importante fulcro della cultura agricola, ospiterà un corso enogastronomico condotto da Fabio Guerra. Il giornalista, sommelier e docente Slow Food, al quale la Regione Veneto ha riconosciuto la competenza nell’ambito alimentare e vitivinicolo in termini di promozione, divulgazione e comunicazione di prodotti, guiderà quattro degustazioni alla scoperta dei sapori enogastronomici locali. Ad accompagnare quest’escursione organolettica ci saranno i prodotti panari forniti da Luca Vidorin, artigiano del pane, professionista attento ed esaltatore dei valori della terra e del territorio. Prenotazione obbligatoria. Le iscrizioni per le 4 lezioni oppure per una singola lezione sono a numero chiuso. Dal 6 al 27 marzo, ogni mercoledì, dalle ore 20.30 alle ore 22.30. Chiunque volesse partecipare e ricevere informazioni sulle visite e gli eventi, può chiamare lo 0422.1836285 o il 320.2696169 oppure scrivere un’e-mail: info@abbaziasanteustachio.com

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento