Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

Nabil Rezzou, ex studente del "Giorgi", viveva a San Biagio di Callalta con la famiglia. Mercoledì scorso, 24 giugno, era stato salvato a Jesolo durante un bagno in mare. A dare l'allarme erano stati gli amici che sono stati testimoni della tragedia

Nabil Rezzou

Era stato salvato dall'annegamento, durante un bagno con gli amici a Jesolo, ma le sue condizioni, gravissime, non erano purtroppo mai migliorate. Dopo una settimana di agonia, in bilico tra la vita e la morte, il suo cuore si è fermato definitivamente. Lutto nella comunità di San Biagio di Callalta per la tragica scomparsa di Nabil Rezzou, 20 anni, ex studente del "Giorgi" ed ex pizzaiolo a Londra (da cui era recentemente tornato) e alla pizzeria "Da Max", locale funestato a fine maggio dalla tragica scomparsa del proprietario, Massimiliano Silvestri che ha perso la vita a causa di un malore.

L'episodio che è costato la vita a Nabil era avvenuto nella serata dello scorso 24 giugno, nel tratto di mare nei pressi della torretta 9 (tra le piazze Mazzini e Trento. Nabil, in difficoltà mentre era in acqua, venne salvato in extremis da bagnini e soccorritori e subito ricoverato in ospedale a San Donà. Il 20enne e gli amici stavano giocando in un tratto di mare dove si toccava: improvvisamente il giovane è sparito nel nulla, restando per lunghissimi minuti sott'acqua. Nabil non sapeva nuotare e probabilmente gli è stata fatale una buca nel fondale. Durante le operazioni di rianimazioni il giovani sembrava essersi ripreso e non era stato neppure necessario far intervenire l'elicottero per il trasporto presso il nosocomio sandonatese.

La notizia si è rapidamente diffusa sui social e sono decine i messaggi di cordoglio comparsi sulla pagina Facebook del 20enne, molto amato e ben integrato, come pure la sua famiglia di origini marocchine. Insieme vivevano a San Biagio di Callalta, non distante dal municipio: lunedì sera in molti sono andati personalmente a mostrare la loro vicinanza alla famiglia. Tra questi anche il sindaco, Alberto Cappelletto, a nome dell'intera comunità. «Era un ragazzo educato e brillante, alcuni anni fa aveva ricevuto una borsa di studio dedicata a chi si distingueva nello studio - spiega il primo cittadino - lo vedevo giocare qui sul campetto di calcio, con gli altri ragazzi. Era un ragazzo che non pensava solo a divertirsi ma manifestava interesse per ogni cosa che lo circondava».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Si schianta con la moto contro un'auto: grave un centauro

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento