L'appello dell'Avis: "Abbiamo bisogno di donatori"

Importante appello da parte dell'Avis provinciale di Treviso che nelle scorse ore si è rivolta alla cittadinanza per chiederle di recarsi sempre più spesso a donare il sangue

TREVISO L’Avis provinciale della Marca ha lanciato nelle scorse ore un importante invito per la donazione di sangue. L'associazione trevigiana necessita di donatori con gruppi 0 e A negativi, A Positivo e a seguire tutti gli altri. 

"Donare è un grande gesto d’amore per sé stessi e per gli altri" ha dichiarato la presidente provinciale, Vanda Pradal. In estate, quando la domanda subisce una notevole impennata, le scorte a disposizione degli ospedali devono mantenersi adeguate per far fronte alle necessità degli ammalati e invece sono sempre più esigue, nonostante i tanti sforzi profusi sul territorio dalle associazioni e dai loro collaboratori. Ecco perché l’invito alla donazione, è un dovere ben preciso a cui non si può sottrarre" afferma la presidente Pradal. "Aiutateci ad aiutarvi: donare il sangue fa bene agli altri ma anche a se stessi" è invece l’invito ai cittadini, che l’Avis provinciale di Treviso ha lanciato per chiamare la popolazione a una risposta corale in un momento di forte bisogno di sangue. 

"Serve uno sforzo comune – ha sottolineato la presidente Pradal – perché è in gioco qualcosa di importante. Quella del fabbisogno di sangue è una battaglia che non prevede tregue: va condotta ogni giorno, senza fermarsi. Per questo ci appelliamo ai tanti donatori delle nostre realtà comunali. E ci rivolgiamo alla sensibilità dell’intera popolazione trevigiana, di cui conosciamo la grande generosità. Questo è il momento di fare un ulteriore sforzo – ha aggiunto -, di compiere un gesto che genera un benefico effetto moltiplicatore: donando si aiuta un’altra persona e, allo stesso tempo, tutta la comunità". Chi può, doni. Basta avere i requisiti di età, peso e condizioni di salute per poter fare la propria parte in un momento particolarmente delicato. "Per non trovarci in emergenze dobbiamo lavorare programmando al meglio il nostro dono. Non bisogna mai abbassare la guardia - spiegano all’Avis provinciale -, è necessario promuovere un'attività di raccolta costante, la disponibilità di sangue e di tutti i suoi componenti sono livelli essenziali di assistenza per aiutare chi si trova a vivere in momenti di fragilità di salute". La mancanza di sangue ha effetti immediati sugli interventi chirurgici: non averne a disposizione si rischia che alcune operazioni potrebbero essere rinviate. "Solo continuando a donare si possono aiutare le persone in difficoltà. Sarebbe molto grave trovarci in “emergenza di sangue”. Tra poche settimane – conclude la presidente Pradal – chiuderanno le scuole e invito gli studenti che hanno superato l’idoneità alla donazione a presentarsi nei centri trasfusionali per donare il sangue. Un appello che è rivolto a tutti i giovani della nostra provincia". Per informazioni su come donare è possibile rivolgersi alla sede dell’Avis Provinciale di Treviso in via Ospedale 1, oppure telefonare allo 0422 405077.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autotrasporti: in arrivo i rimborsi per i costi delle patenti professionali

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Schianto contro un'auto, grave motociclista 46enne

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Come pulire la lavatrice: consigli per farla tornare come nuova

  • Furti da Coin ed H&M, due denunciati dalla polizia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento