Ascotrade e Piave Servizi: nasce lo sportello unico

A Oderzo è stato inaugurato il nuovo front-office unico di Ascotrade dove i cittadini potranno gestire in un unico sportello i servizi di gas, luce e acqua

In foto, da sinistra: Stefano Busolin, Maria Scardellato e Alessandro Bonet

Garantire una presenza capillare sul territorio per offrire servizi adeguati alle esigenze dei clienti, attuando al contempo un'oculata gestione aziendale.

È questo il punto di partenza dell'accordo tra Ascotrade e Piave Servizi che, a partire da mercoledì 14 novembre, diventa operativo presso l'ufficio Ascotrade di Oderzo. Una collaborazione che segna un ulteriore passo avanti nei servizi al cittadino e getta le basi di una presenza sempre più capillare sul territorio. «Da oggi – ha spiegato il presidente Ascotrade Stefano Busolin - i nostri clienti avranno la possibilità di gestire le proprie forniture di gas, energia elettrica ed acqua in un unico momento. Un servizio reso possibile grazie alla volontà delle due aziende di essere sempre più efficienti nei confronti dei cittadini, con una modalità innovativa, che va ben oltre la semplice condivisione degli spazi. A Oderzo, infatti, la collaborazione tra Ascotrade e Piave Servizi diventa, a tutti gli effetti, una gestione unica che, se da un lato rende più facile la vita dei nostri clienti, dall'altro dimostra come sia possibile, anche per attività commerciali come quelle rappresentate da Ascotrade e Piave Servizi, ottimizzare costi e risorse interne allo scopo di offrire alla clientela una presenza costante e puntuale, in grado di rispondere con tempestività alle richieste».

«Il fare squadra tra utilities ha una valenza strategica fondamentale, – afferma il presidente Piave Servizi Alessandro Bonet - perché è vero che da soli si può far prima, ma insieme si fa più strada. Quella che prende oggi il via è una sinergia fortemente voluta dall’azienda, in quanto Piave Servizi si pone come obiettivi fondamentali non solo l’efficienza nella gestione delle risorse, grazie alla quale è stato ottenuto un abbassamento della tariffa del 12 per cento per il biennio 2018/2019, ma anche la semplificazione della burocrazia per i cittadini. Presso il nuovo sportello di Oderzo, ad esempio, il cittadino avrà la possibilità di gestire procedure quali un cambio di intestazione delle bollette in un'unica soluzione per tutte le utenze». «Una strada, quella avviata da questa collaborazione – ha sottolineato Maria Scardellato, sindaco di Oderzo – che va nella direzione di offrire un vero servizio alla cittadinanza. Un modello che anche le pubbliche amministrazioni si apprestano a percorrere, anche nel nostro Comune, con l'apertura, a breve, di uno sportello unico dedicato al Welfare, che risponderà alla sempre più sentita necessità di semplificazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accordo tra le due utilities prevede infatti che Ascotrade da oggi sia “referente unica” per i clienti delle due aziende. Chi si recherà all'ufficio di Oderzo si rapporterà dunque con il solo personale Ascotrade, in grado di occuparsi sia delle pratiche di gas e luce che di quelle dell'acqua, semplificando notevolmente tutte le operazioni. Un servizio che risponde alle esigenze della clientela, reso possibile grazie all'integrazione dei sistemi operativi e alla formazione ad hoc del personale operativo di Ascotrade. Un percorso che ha richiesto grande impegno sia in termini tecnologici che di capitale umano e che rappresenta un modello del tutto innovativo per le utilities trevigiane coinvolte, che possono attuare una gestione più oculata delle risorse. Il nuovo ufficio andrà a servire oltre 12 mila accessi annuali per le utenze distribuite nei 16 comuni che fanno capo all'ufficio di Oderzo: Cessalto; Chiarano; Cimadolmo; Fontanelle; Gorgo al Monticano; Mansuè; Mareno di Piave; Meduna di Livenza; Motta di Livenza; Oderzo; Ormelle; Ponte di Piave; Portobuffolè; Salgareda; San Polo di Piave; Vazzola. Il frontoffice unificato va così ad aggiungersi agli altri 4 uffici Ascotrade multiservizi, già presenti nella provincia di Treviso, condivisi con Savno e Ats. Un modello di collaborazione, quello avviato da Ascotrade, che rappresenta una nuova frontiera nella gestione dei servizi al cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento