La tecnologia di Asolana group a difesa dell'arte e di George Washington

Prima che il modello in della scultura partisse per New York, un team di esperti ha scansionato la statua per metterla “al riparo” da qualsiasi danno potesse capitarle

(photo credit Fabio Zonta)

Venerdì, a 200 anni dalla sua realizzazione, il modello originale in gesso che ritrae George Washington è stato presentato per la prima volta ufficialmente alla Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno. L’opera è di ritorno da una Mostra di grande successo alla Frick Collection di New York dove è rimasta esposta da Maggio a Settembre. La scultura di George Washington è l’unica opera realizzata da Antonio Canova per gli Stati Uniti, fortemente voluta da Thomas Jefferson che riteneva Canova il solo artista all’altezza dell’incarico. Fu consegnata nel 1821 e posizionata nel Campidoglio di Raleigh nella Carolina del Nord dove rimase solo una decina d’anni; nel 1831 un furioso incendio distrusse l’edificio e ridusse in frammenti la preziosa statua.

Oggi ad impedire che i capolavori d’arte vadano perduti, scende in campo la tecnologia. E la tecnologia più avanzata è quanto Asolana Group, ha messo a disposizione della Gypsotheca e Museo Antonio Canova per preservarne i capolavori. Da circa due anni Asolana group sostiene il Museo di Possagno con un programma di azioni che l’hanno reso fruibile in modo multimediale e che contribuisce alla conservazione e valorizzazione del suo patrimonio. L’azione sul George Washington è l’ultima realizzata in ordine di tempo. Prima che il modello in gesso di George Washington partisse per New York, il team di esperti di Asolana Group ha scansionato la statua per metterla “al riparo” da qualsiasi danno potesse capitarle. Con la scansione 3D dell’opera sono state rilevate le “misure” e i punti architettonici. Questi dati sono quindi stati tradotti in un file con la nuvola di punti cioè le misure matematiche e architettoniche dell’opera, che, in caso di necessità, sono di fondamentale importanza per la progettazione della tecnica di restauro e per la conservazione stessa dell’opera canoviana.

Per arricchire l’offerta della mostra su George Washington, Asolana group ha messo a disposizione una stampante 3D che utilizzando le matematiche rilevate durante la scansione dal modello in gesso, stamperà live un modellino della statua, riproduzione perfetta dell’originale che misurerà 30 cm d’altezza circa. Un modellino che si rivelerà importante per i programmi didattici che saranno attuati dalla Gypsotheca e sarà uno dei primi strumenti del museo tattile che la Gypsotheca stessa sta realizzando per offrire un’esperienza interessante e diretta agli ipovedenti. La mostra sul George Washington è il primo evento realizzato dopo il parziale restauro del tetto dell’ala antica della Gypsotheca. Il restauro è stato facilitato dai rilievi delle matematiche architettoniche realizzati da Asolana group lo scorso anno e che hanno permesso di restaurare in modo assolutamente conforme all’opera originale. L’impegno diretto dell’azienda di Asolo a favore della Gypsotheca di Possagno dura ormai da quasi 2 anni, culminati a dicembre 2017 con la realizzazione della piattaforma Canova Experience che l’ha reso un museo multimediale valorizzandone l’immenso patrimonio.

Canova Experience accoglie il visitatore della Gypsotheca con tecnologie digitali e realtà virtuale, in un percorso che abbraccia l’intero corpus di opere del museo. Scansioni 3D e visori oculus permettono di girare intorno alle sculture come dal vivo, ed è possibile consultare l’archivio storico documentale su monitor touch screen e sfogliare tanti documenti digitalizzati relativi alla storia dell’artista, non consultabili prima di questo intervento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento