Un successo ad Asolo la “Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo”

La Polizia Postale, senza demonizzare l’uso degli strumenti informatici, ha informato i ragazzi circa i pericoli presenti in Rete e dai quali debbono difendersi

Si è celebrata giovedì 7 febbraio la “Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo”, due temi che fino a qualche anno fa erano poco considerati, ma che negli ultimi anni sono diventati poco per volta sempre più attuali, fino a ottenere una ricorrenza a essi dedicata. Anche Asolo si mette in prima linea per arginare questi problemi, partendo dal luogo simbolo della crescita dei ragazzi: la scuola. Infatti, martedì 5 febbraio le classi prime e seconde della Scuola Secondaria di I grado di Asolo sono state impegnate in un incontro con la Polizia Postale. L’Istituto Comprensivo di Asolo è stato scelto quale rappresentante della Provincia di Treviso in occasione della giornata nazionale sulla sicurezza in internet.

La Polizia Postale, senza demonizzare l’uso degli strumenti informatici, ha informato i ragazzi circa i pericoli presenti in Rete e dai quali debbono difendersi, cercando di coinvolgere gli alunni nella discussione, accogliendone le richieste e risolvendone i dubbi. Il Dirigente Scolastico, dott.ssa Rosita De Bortoli, in concerto con il referente per il bullismo e per il cyber-bullismo, dott.ssa Nadia Genovese, ha organizzato l’incontro che s’inquadra in un più ampio progetto “bullismo e cyber-bullismo”, intrapreso quest’anno dalla Scuola e che prevede incontri organizzati dalla Regione e da altri enti, coinvolgendo altresì le classi quinte della primaria e terze della secondaria: la scuola è luogo fondamentale dove insegnare a sviluppare una coscienza critica volta a un uso consapevole degli straordinari mezzi che i giovani hanno oggi a disposizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì tutte le classi dell’Istituto Comprensivo si sono fermate, per discutere del tema e per sensibilizzare gli alunni in merito. “Oggi gli atti di bullismo sono diventati sempre più frequenti – afferma il Sindaco di Asolo, Mauro Migliorini - e, soprattutto in seguito della diffusione di internet, dei social network, della messaggistica istantanea, si registra un aumento vertiginoso del cyberbullismo, non solo tra bambini, preadolescenti e adolescenti, ma anche in fasce di età che comprendono giovani adulti. Un plauso alla Dirigente Scolastica, alla Referente per il bullismo e cyber – bullismo, a tutto il corpo docente e alla Polizia Postale di Treviso, per queste inizative di carattere formativo-educativo. luogo dove insegnare a sviluppare una coscienza critica volta a un uso consapevole degli straordinari mezzi che i giovani hanno oggi a disposizione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento