Auto elettriche: a Villorba in arrivo sei stazioni di ricarica

Saranno installate da Enel X e consentiranno di ricaricare in contemporanea ben dodici veicoli elettrici. Un passo molto importante del Comune verso la mobilità eco-sostenibile

Marco Serena, sindaco di Villorba in sosta davanti a una stazione di ricarica

L’amministrazione comunale di Villorba ed Enel X hanno firmato un protocollo d’intesa per l’installazione di una rete di 6 stazioni di ricarica per la mobilità elettrica. 

L’iniziativa assume un particolare rilievo per l’importante collocazione di Villorba, prossima a rilevanti città d’arte, posizionata lungo due importanti direttrici stradali come la A27 e la via Postumia importanti località culturali, nonché baricentrica rispetto ad una zona di forte urbanizzazione. In questo modo Villorba potrà attrarre un crescente flusso turistico, in particolare straniero, che già oggi predilige mezzi di trasporto elettrici, e incentivare l’adozione di mezzi elettrici per le flotte aziendali. «Come più volte dimostrato  nel  corso  degli  anni, stiamo  proseguendo  concretamente  lungo  la  strada  del  miglioramento continuo - ha detto Marco Serena, sindaco di Villorba - per adeguare il nostro Comune al mondo che viaggia veloce verso un sistema complesso, ma sostenibile. Per esempio sotto il profilo del  risparmio energetico,  gestendo  e  migliorando  l’esistente,  il  Comune di Villorba  riesce a produrre oltre 142 mila KW l’anno di energia elettrica traendola da fonti rinnovabili. Stiamo poi per sostituire in tutto il territorio comunale i 3.740 punti luce con lampade a led. Ed ora nel giro di qualche mese andremo a sostenere la mobilità elettrica sia locale (non dimentichiamo che la Città di Villorba ha in comodato d’uso, grazie ad AutoStar, una Bmw i3 full electric) sia di transito con l’installazione di 6 colonnine per la ricarica da parte di Enel X”.

Le stazioni di ricarica permetteranno di rifornire 12 vetture in contemporanea e saranno installate a Villorba in piazza Vittorio Emanuele; a Catena, in via Marconi; a Carità in piazza Umberto I; a Fontane, in Largo I maggio e via Astico; a Fontane Chiesa Vecchia, in via Silvello e a Lancenigo in via Gorizia. Ogni colonnina sarà dotata di due stalli di sosta per la ricarica. I costi delle infrastrutture, dell’installazione e della manutenzione saranno a carico di Enel X, mentre “il pieno” di energia per l'automobile, per cui si stima servirà da un'ora o un'ora e mezza, a seconda del tipo di batteria dell'auto, sarà a spese dell'utente. «Siamo convinti – ha  dichiarato l’ingegner Manuel Siciliano,  Key Account  Manager  di  Enel  X  –  che  il  futuro  della mobilità sarà elettrico. Per questo abbiamo lanciato un ambizioso, ma realistico e concreto, piano per l’installazione capillare di colonnine per servizi di ricarica in tutte le regioni italiane, che abiliterà la crescita del numero dei veicoli elettrici e ibridi circolanti. Il nostro Piano nazionale prevede la posa di circa 7 mila colonnine elettriche  entro  il  2020  per  poi arrivare  a  14  mila  nel  2022. Grazie alla sensibilità espressa dall’amministrazione comunale di Villorba, Enel X è particolarmente soddisfatta di poter contribuire a qualificare il Comune trevigiano  per  la  sua  attenzione  all’aspetto  della  mobilità  sostenibile  e  a  creare  le  ulteriori  condizioni  che  possano agevolare gli spostamenti con la mobilità elettrica a zero o basso impatto ambientale. Le colonnine di Villorba – ha concluso Siciliano - saranno del tipo Quick a 22 kW e verranno installate già a partire dai prossimi mesi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento