In giro con auto straniere per non pagare il bollo in Italia: stangati

Gli agenti della polizia locale di Resana, Vedelago, Riese Pio x e Loria hanno staccato le prime multe contro i furbetti che non pagavano il bollo pur avendo la residenza in Italia

Controlli della polizia locale a un'auto straniera (Foto tratta da Google Immagini)

Sono partiti puntuali e serrati i controlli da parte degli operatori della polizia locale di Resana, Vedelago, Riese Pio X e Loria, per combattere il fenomeno dei furbetti, alla guida di autoveicoli con targa straniera che essendo residenti in Italia da molto tempo, mantengono ugualmente la targa straniera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infatti tenuto conto della nuova normativa del codice della strada, entrata in vigore nel dicembre scorso, grazie al nuovo decreto sicurezza, gli agenti stanno effettuando precisi e rigorosi controlli su tutti i conducenti a bordo  dei veicoli stranieri, che fino all'entrata in vigore della nuova legge, eludevano le normative di circolazione e fiscali dello stato italiano. Con la nuova normativa i conducenti che da più di più di sessanta giorni hanno la residenza in Italia, devono essere in grado al momento del controllo di esibire  i documenti  giustificativi per utilizzo del mezzo, secondo prescrizioni e modalità previste dalla nuovissima normativa. Ad oggi  sono già stati  sanzionati 4 veicoli non in regola con la normativa attuale. La nuova sanzione prevede, anche il  fermo o il sequestro del veicolo, a seconda della fattispecie, più una sanzione pecuniaria, da pagare immediatamente nelle mani degli operatori e la regolarizzazione del veicolo con la nuova immatricolazione in italia. Il comandante Maurizio Zorzi, ha dato disposizione,affinché i controlli proseguano in modo capillare specie nelle arterie di maggior afflusso, al fine di combattere il fenomeno degli abusivi che pur vivendo in Italia da tantissimi anni, non provvedono alla nuova immatricolazione del veicolo in Italia e questo sopratutto per un vantaggio economico eludendo di pagare il bollo e pagando in modo inferiore l'assicurazione sul veicolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento