Bon Bozzolla: appalto da 9 milioni di euro, via ai lavori di ampliamento

Concluse le operazioni di apertura delle buste e verifica delle aggiudicazioni, a gennaio il via all'opera che porterà nel centro per anziani di Farra 120 posti letto in più

Foto d'archivio

Aggiudicati i lavori di ristrutturazione e ampliamento dell’Istituto Bon Bozzolla di Farra di Soligo. L’investimento di 9 milioni di euro doterà il territorio di una nuova struttura all’avanguardia non solo dal punto di vista architettonico, grazie anche a migliorie e adeguamenti termici, sismici e  acustici, ma anche del comfort abitativo, con ampie zone destinate alla socializzazione, aree verdi interne ed esterne e colori selezionati con cura per migliorare la permanenza di ospiti, personale e parenti in visita.

La procedura di gara e di assegnazione ha richiesto grande attenzione e lavoro da parte degli uffici della struttura per anziani e della commissione aggiudicatrice, data la grande portata dell’investimento in atto.  Erano tre i bandi di gara lanciati tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 e, completate tutte le procedure di verifica delle aggiudicazioni dopo l’apertura delle buste, si può dare inizio al cantiere. Il bando europeo relativo ai lavori di ristrutturazione e ampliamento dell’Ipab solighese è stato vinto dall’Ati composta da Impresa Tonon Spa di Colle Umberto come mandataria assieme a Consorzio Stabile Pedron di Villa del Conte e Lasa F.lli Nata Srl di Cantarana di Cona per un totale complessivo di 8.895.066,43 euro. Il bando europeo per l’incarico di Direzione Lavori e Contabilità dei lavori è stato affidato alla Rtp composta da Alfaulda Srl di Silea mandataria assieme a D.F.G. Ingegneria Srl di Castelfranco Veneto e TFE Ingegneria Srl di Pianiga per un totale complessivo di 204.027,33 euro. Infine, il bando relativo al servizio tecnico di Coordinamento della Sicurezza in fase di esecuzione dei lavori è stato affidato all’Ing. Paolo Sanavio di Polverara per un totale di 100.337,14 euro. L’avvio dei lavori è previsto per il 19 gennaio con la posa pubblica della prima pietra alla quale saranno invitati autorità locali, associazioni del territorio e, ovviamente, tutta la comunità. «Abbiamo voluto operare nel miglior modo possibile, con la massima attenzione e allo stesso tempo con la massima trasparenza. Si tratta di un appalto importante e proprio per questo ha richiesto maggior tempo per effettuare tutte le verifiche e affidare, finalmente, i lavori dell’ampliamento del Bon Bozzolla – ha detto il presidente dell’Istituto, Giuseppe Bubola - Erano anni che la nostra comunità e tutto il territorio aspettava questo momento. Proprio per questo vogliamo celebrare insieme a tutti l’avvio dei lavori con un momento pubblico, la posa della prima pietra, che si terrà il 19 gennaio».

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento