Comunità Ca' Leido di San Vito d'Altivole: un luogo per famiglie che affrontano l'autismo

Si tratta di una struttura che accoglie oltre 50 bambini e adulti provenienti dal Distretto di Asolo. Non solo un luogo accogliente, ma un progetto educativo 

"Guarda il mondo con occhi diversi". Sabato mattina, accompagnato dall'assessore Gerardo Pessetto, dall'assessore Rosy Silvestrini e dalla consigliera Bin Giovanna, il sindaco di Asolo Mauro Migliorini ha visitato la Comunità Ca' Leido di San Vito d'Altivole. Si tratta di una struttura che accoglie oltre 50 bambini e adulti con autismo, provenienti dal Distretto di Asolo. Non solo un luogo accogliente, ma un progetto educativo che permette di sviluppare abilità cognitive e sociali per migliorare la qualità di vita delle persone con autismo, dove viene accolta l'intera famiglia ascoltandone esigenze e bisogni,  "e sporcandosi le mani la sostiene con un versamento mensile per aiutare a mantenere e potenziare una cultura di inclusione sociale, dando una garanzia per il futuro dei soggetti con disabilità intellettiva" fa sapere Migliorini.

47181402_573893083076010_3573914545531387904_n-2

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento