Clandestini scendono dal rimorchio del camion e scappano attraverso i campi

Nel tardo pomeriggio di giovedì un mezzo proveniente dalla Macedonia è giunto presso la sede della Diadora a Caerano per una consegna. Il trasportatore era del tutto ignaro dei "passeggeri"

Gli esterni dell'azienda trevigiana

Hanno viaggiato, nascosti a bordo di un camion, seguendo la rotta balcanica dei migranti, fino alla Marca, attraverso le frontiere dei Paesi dell'ex Jugoslavia. Questa l'avventura di cinque giovani di colore (tre uomini, una donna ed un ragazzino di circa 12 anni) che nel tardo pomeriggio di ieri, giovedì, sono giunti a Caerano San Marco, facendo poi perdere le proprie tracce. L'episodio è avvenuto poco dopo le 18.30 in via Montello, presso la portineria della Diadora. Durante le operazioni di consegna di un carico di calzature, dal rimorchio del camion, a cui era stato tagliato il telone, sono usciti i clandestini che di corsa si sono allontanati, fuggendo attraverso i campi. L'autotrasportatore, un cittadino macedone di 33 anni, dipendente dell'azienda di trasporti "Still logistic", era del tutto ignaro della presenza a bordo del suo mezzo di quei "passeggeri". Impossibile per ora accertare quando e dove gli stranieri, attualmente ricercati dai carabinieri di Montebelluna, siano saliti a bordo del camion per raggiungere il nostro Paese. Il viaggio dell'autoarticolato era cominciato circa 48 ore prima, il 9 ottobre a Tabanovci, in Macedonia: è probabile che in questa circostanza, durante le operazioni di carico dell'autoarticolato i cinque passeggeri si siano introdotti nel camion. Per ora le operazioni di rintraccio degli stranieri da parte delle forze dell'ordine non hanno dato nessun esito: non si esclude che i clandestini si siano diretti verso una meta prestabilita, magari per salire a bordo di un altro mezzo per continuare il loro viaggio attraverso l'Europa, magari con destinazione i Paesi del Nord.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

Torna su
TrevisoToday è in caricamento