Cambio della caldaia con i soldi del Comune: ne approfittano 300 famiglie

Grande adesione a Mogliano Veneto per l'iniziativa promossa dal Comune nel rispetto dell'ambiente. Da lunedì lo sportello energia sarà attivato anche in piazza per tutti i cittadini

In foto: il sindaco Carola Arena e l'assessore Oscar Mancini

Trecento famiglie moglianesi hanno ricevuto nel corso degli ultimi anni un contributo comunale per aver sostituito la propria caldaia obsoleta con una a condensazione. Si tratta solo di una delle iniziative messe in atto dall'amministrazione Arena per limitare le fonti di inquinamento e tutelare l’ambiente.

Molta nuova energia è stata generata da fonti rinnovabili a Mogliano e altra è stata risparmiata con l’efficientamento degli edifici e degli impianti sportivi. Parecchie decine di moglianesi hanno potuto trarre vantaggio dai consigli ricevuti allo Sportello Energia comunale. Raggiunto con due anni d’anticipo l’obiettivo del Paes, ossia ridotte del 23% le emissioni dei gas climalteranti, proseguono anche quest’anno le azioni dell’ Amministrazione Comunale a supporto dei cittadini per aiutarli a ridurre la loro bolletta energetica e le emissioni, migliorando così la qualità dell’aria. L’amministrazione mette a disposizione dei cittadini lo Sportello Energia, presso il Centro Civico Est (aperto nel terzo sabato del mese) cui quest’anno si aggiunge la presenza dello stesso Sportello  (Gazebo) in Piazza Caduti, in occasione del mercato settimanale il primo lunedì del mese fino ad ottobre 2019. Sono altresì previsti 10 check up gratuiti per edifici e 5 per impianti fotovoltaici nonché conferenze aperte al pubblico su vari  temi: efficientamento energetico degli edifici, condomini compresi, fonti rinnovabili nelle abitazioni e nei trasporti. E’ prevista la prova di veicoli elettrici in occasione della prossima inaugurazione delle prime cinque colonnine di ricarica. Infine, è in programma l’aggiornamento del Paes per raggiungere l’obiettivo della riduzione del 40% delle emissioni includendo le azioni necessarie  per rendere più resiliente il territorio di Mogliano a cambiamento climatico in atto.

«Questo significa esattamente quello che i nostri concittadini adolescenti ci hanno chiesto a metà marzo con la mobilitazione dei Friday For Future (FFF), pensare globalmente e agire localmente per ridurre le emissioni di CO2 e l’inquinamento da polveri sottili PM10, PM2,5. I nostri figli e nipoti adolescenti chiedono a chi governa e ha il potere di agire, di mettere in atto tempestivamente e con determinazione azioni finalizzate ad evitare che il cambiamento climatico distrugga il loro futuro. Si tratta d’ impedire conseguenze catastrofiche per la nostra vita, l’economia mondiale, le migrazioni di massa dai paesi colpiti da siccità e mancanza d’acqua e cibo e, inoltre, l’innalzamento dei mari, con la una alterazione della disponibilità di territori e suoli da abitare e fertili per la produzione di cibo. E noi abbiamo dato le risposte possibili al nostro livello», hanno dichiarato il sindaco Carola Arena e l’assessore all'ambiente Oscar Mancini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Malattia incurabile, farmacista perde la vita a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento