Carbonera, sabato la presentazione dei risultati del sondaggio "Di' la tua"

Per circa due mesi, i modelli sono stati a disposizione per la compilazione anonima presso alcuni esercizi commerciali dislocati tra Biban, Carbonera, Mignagola, Pezzan, San Giacomo e Vascon

Consiglieri di Insieme si cambia

Sabato 26 gennaio alle ore 10:00 presso la Sala “Aldo Moro” di Carbonera, la lista civica “Insieme si Cambia – Carbonera” presenterà in un incontro pubblico i risultati del questionario “Di' la tua”, distribuito alla cittadinanza a partire dal 9 novembre 2018 attraverso molteplici canali. Il questionario, composto di 24 domande, ha interrogato i cittadini su come si vive a Carbonera, su quali servizi sono ritenuti soddisfacenti e quali meno. Per circa due mesi, i modelli sono stati a disposizione per la compilazione anonima presso alcuni esercizi commerciali dislocati tra Biban, Carbonera, Mignagola, Pezzan, San Giacomo e Vascon, oppure consegnati dai volontari di “Insieme si Cambia – Carbonera” nei gazebo allestiti di volta in volta nelle frazioni. Per tutto il periodo, è stato possibile compilare l'intervista anche online sul sito web della lista civica, o seguendo il link pubblicato sui social network.

«Conosciamo un solo modo di fare politica: coinvolgendo direttamente i nostri concittadini nell'amministrazione di ciò che è di tutti. Una prassi evidentemente estranea invece all'amministrazione Mattiuzzo, che ha spesso preso decisioni fondamentali in esclusiva autonomia – affermano all'unisono i cinque consiglieri comunali di “Insieme si Cambia – Carbonera” - Basti pensare alla nuova scuola: un'opera importante, che ha però tolto denaro alle manutenzioni ordinarie di strade e verde pubblico, alla sicurezza, a nuove iniziative sociali e culturali. Per cinque anni, noi non abbiamo mai smesso di incontrare i cittadini nelle frazioni, di ascoltare i loro problemi quotidiani, di proporre e accogliere soluzioni. Dai banchi dell'opposizione, abbiamo presentato mozioni, interrogazioni, richiesto consigli comunali straordinari. Il nostro prossimo programma elettorale risponderà ai bisogni ed alle ambizioni di chi abita questo territorio giorno dopo giorno, sia di chi si ritiene soddisfatto, sia di chi non si reputa sufficientemente tutelato o rappresentato. C'è molto lavoro da fare, questo territorio è immobile da più di un decennio, senza attrattiva né sviluppo: ma possiamo cambiarlo solo lavorando tutti insieme, ascoltandoci l'uno con l'altro, condividendo idee e competenze».

I quesiti di “Di' la tua” hanno riguardato i servizi pubblici, l'illuminazione, la sicurezza, la manutenzione delle strade, il verde pubblico, la valorizzazione del patrimonio, gli spazi e i servizi per la popolazione più esposta, il coinvolgimento delle associazioni del territorio, la cultura. Hanno risposto in moltissimi: per sapere in che modo, occorrerà aspettare fino a sabato mattina.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento