Resana aderisce alla Carta etica dello sport

Sabato 29 settembre, in uno speciale consiglio comunale, l'amministrazione di Resana adotterà l'importante documento sportivo alla presenza degli studenti di terza media del paese

RESANA Giovani atleti, dirigenti di società sportive, genitori…tutti convocati per un consiglio comunale “straordinario” che si terrà sabato 29 settembre alle ore 10.30 presso il Centro Civico di Resana. 

Sindaco e giunta comunale proporranno al consiglio comunale l’adozione della “carta etica dello sport” promossa dalla Regione Veneto e lo faranno di fronte a tutti i ragazzi della terza media, che assisteranno al loro primo consiglio Comunale, oltre che ai protagonisti dello sport locale. “Con questa carta si vuole sottolineare il valore sociale, formativo ed educativo dell’attività motoria e sportiva – ha detto il sindaco Stefano Bosa nel presentare il documento regionale – lo sport aiuta a crescere i giovani e lo fa ogni giorno, nel nostro Comune, attraverso la volontaria prestazione di decine e decine di dirigenti e genitori che creano e migliorano relazioni, aiutando la nostra società a crescere!”. 

L’istituto Comprensivo di Resana ha subito accolto l’invito a partecipare al consiglio comunale con tutti i ragazzi di terza media che per l’occasione assisteranno, per la prima volta, ad una riunione del consiglio comunale. “A tal proposito abbiamo pensato di istruire per bene i nostri nuovi spettatori – ha aggiunto il sindaco – infatti abbiamo consegnato ad ogni alunno di terza media un opuscolo con spiegato il funzionamento di un Comune e di un consiglio comunale, una guida utile per far capire ai giovani che è importante partecipare alla vita sociale e politica del proprio Comune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Cade dalla sedia della sua cameretta, bimbo di nove anni grave all'ospedale

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Sfreccia a 127 km/h con il suo bolide: il limite era 50 km/h

Torna su
TrevisoToday è in caricamento