Casale sul Sile, siglata l'intesa per il 2019 tra Comune e sindacati

Nell'accordo le parti sociali auspicano l'innalzamento della quota di esenzione all'addizionale Irpef comunale fino a 15mila euro, richiesta accolta in parte dall'amministrazione, che ha innalzato la soglia fino a 12mila euro

L'incontro di Casale

Il 14 febbraio e il 20 marzo 2019 nella sede municipale del Comune di Casale sul Sile si sono svolti gli incontri per la contrattazione sociale 2019, con lo scopo di confrontarsi, come avviene da diversi anni, sui temi del benessere sociale della Comunità, dello sviluppo sostenibile della salvaguardia dell'ambiente e della salute e di valutare insieme il Documento Unico di Programmazione 2019-2020. Presente il sindaco Stefano Giuliato in rappresentanza dell'Amministrazione Comunale, mentre per le Organizzazioni Sindacali erano presenti Maurizio Busso, Franco Baggioli, Costantina Pavan, Annarita Contessotto, Antonio Bincoletto (per SPI CGIL), Luciana Battistella, Sneder Scotton, Antonio Bidinotto, Bruno Zanon (per FNP CISL) e Mario Tozzato (per UILP UIL). Tra i punti più rilevanti trattati durante l'incontro, i Sindacati chiedono al Comune di favorire interventi a sostegno delle fasce sociali più fragili. In particolare, le Parti Sociali auspicano l'innalzamento della quota di esenzione all'addizionale Irpef comunale fino a 15mila euro, richiesta accolta in parte dall'Amministrazione, che ha innalzato la soglia fino a 12mila euro. Inoltre, è stato predisposto un fondo per il sostegno delle famiglie economicamente più deboli e un servizio di assistenza domiciliare con tariffe contenute e differenziate per fasce di reddito. Oltre a ciò, le Organizzazioni Sindacali chiedono l'applicazione di un tipo di scontistica per i servizi di erogazione gas dall'Eon, come già riconosciuti dagli utenti di Asco Piave. E poi, i Sindacati sollecitano la sottoscrizione dei “patti antievasione” con l'Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza, poiché in tal modo il 100% dell'evasione accertata ritornerebbe al Comune.

Per quanto riguarda gli investimenti in ambito di sviluppo territoriale, crescita e lavoro, il piano regionale per il contrasto alla povertà 2018-2020 dell'ambito ex Azienda Ulss 9 sta attivando una task force per ottenere i finanziamenti stanziati dalla Regione Veneto. La programmazione per gli interventi di gestione del welfare territoriale comprende una novità nel campo dei trasporti e del diritto alla mobilità: è infatti aperto un tavolo con MOM per discutere di nuove agevolazioni tariffarie da assegnare a nuclei familiari con più di un figlio che accede agli istituti scolastici superiori usufruendo del trasporto pubblico. Inoltre, lo “sportello donna” ha attivato una campagna di sensibilizzazione che mira a coinvolgere gli studenti dell'Istituto Comprensivo e la cittadinanza tutta sul tema della violenza. Il Comune dimostra nuovamente interesse in materia di Sanità-Area anziani: appoggia la raccolta firme promossa dai Sindacati sul tema, finalizzata ad aumentare il numero delle impegnative di residenzialità che permettono l'accesso ai Centri di Servizi per gli anziani in convenzione, a ridurre i tempi delle liste di attesa per la scheda S.VA.M.A. (Scheda per la Valutazione Multidimensionale dell'Adulto e dell'Anziano) e a concordare una modalità unica di certificazione e di detrazione della quota sanitaria delle rette dei Centri Servizi per contrastare le disuguaglianze nel territorio.

Continua l'interesse dell'amministrazione per una presenza all'interno dello strumento di programmazione decentrata e di sviluppo del territorio I.P.A. Marca Trevigiana e prende il via la valutazione dell'ingresso in O.G.D. dal punto di vista turistico per la gestione integrata delle destinazioni e la realizzazione unitaria delle funzioni di informazione, accoglienza turistica, promozione e commercializzazione dell'offerta turistica. «Ringrazio le rappresentanze sindacali per il confronto leale e sincero sulle tematiche sviluppate nell'incontro. È stato un dibattito costruttivo per fissare nuovi obiettivi da raggiungere. Ringrazio anche gli Uffici Comunali per il supporto dato alla trattativa»: afferma Stefano Giuliato, Sindaco del Comune di Casale sul Sile, dichiarandosi soddisfatto dei risultati raggiunti.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Lega, è partita la corsa alla poltrona di Zaia

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Si schianta con la bici contro un'auto sul Montello, 41enne in coma

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento