Case popolari: «Migliaia di famiglie a rischio sfratto a Treviso e Venezia»

L'allarme arriva da Claudio Sinigaglia, consigliere del Partito Democratico a pochi giorni dall'entrata in vigore dei nuovi requisiti fondamentali di residenza

«Dal primo luglio, solo nelle province di Venezia e Treviso, circa 2800 famiglie sono a rischio sfratto per le nuove regole sugli alloggi popolari. Siamo di fronte a una potenziale ‘bomba sociale’, l’assessore Lanzarin venga in Commissione a riferire, dati alla mano, qual è la situazione Ater per Ater». A dirlo è Claudio Sinigaglia, consigliere del Partito Democratico a pochi giorni dall'entrata in vigore dei nuovi requisiti fondamentali di residenza, introdotti con la legge dell’ottobre 2017 e il relativo regolamento attuativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Avevamo già avvisato che con questi provvedimenti si andava a gettare altra benzina sul fuoco: in Veneto dal 2009 al 2017 sono stati emessi oltre 39mila provvedimenti di sfratto, 62.791 invece le richieste di esecuzione. Ora per gli alloggi popolari serve una soglia Isee inferiore ai 20mila euro per ottenere o mantenere gli alloggi e non dimentichiamo che gli inquilini, molto spesso, appartengono alle fasce più fragili della popolazione. Vorremmo sapere quanti sono costretti alla decadenza? Questa situazione, purtroppo, era prevedibile: per evitare conseguenze drammatiche avevamo chiesto di inserire un canone di permanenza, innalzando la quota Isee-Erp a 23mila euro, per garantire una soglia di tolleranza che evitasse la decadenza dopo cinque anni, come già previsto in altre Regioni, proposta bocciata dalla maggioranza - ricorda Sinigaglia - Adesso chiediamo alla Giunta e in particolare all'assessore Lanzarin di fare chiarezza sui numeri di ogni singola Ater: quante famiglie andranno in decadenza? Quante dovranno pagare un canone maggiorato e a quanto ammonta l’aumento? Dobbiamo avere dati certi, in modo da poter intervenire immediatamente per evitare ulteriori ingiustizie e storture».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • Istruttore del Cai e lavoratore in cantina: Samuele muore a 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento