Fondazione Cassamarca apre al pubblico le porte di Ca' Spineda

In occasione della XVII edizione di “Invito a Palazzo”, la fondazione trevigiana ha decido di aprire, in via straordinaria le porte di Ca’ Spineda per una serie di importanti visite guidate

TREVISO Fondazione Cassamarca ha deciso di aderire all’iniziativa “Invito a Palazzo” giunta quest’anno alla XVII edizione, realizzata in collaborazione con l’Acri, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Commissione nazionale Unesco e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l’occasione, Fondazione Cassamarca aprirà le porte della sua storica sede di Ca’ Spineda, magnifico palazzo seicentesco, che prende il nome dai suoi antichi proprietari. La sede sarà aperta al pubblico sabato 6 ottobre dalle ore 10 alle 19. L’ingresso sarà consentito in gruppi, senza bisogno di prenotazione, con visite guidate a cura degli apprendisti ciceroni del Liceo Classico “A. Canova” di Treviso e con la collaborazione del gruppo Nuove Generazioni dell’associazione Trevisani nel Mondo. Ca’ Spineda è uno dei palazzi più affascinanti del capoluogo di Marca, costruito nel XVI secolo è appartenuto alla nobile famiglia Spineda, che lo edificò nel 1550, ampliando la loro precedente dimora. Nel XVIII sec. fu inserito l’imponente scalone progettato da Giordano Riccati (1747), e fu contestualmente decorato ad affresco da Gaspare Diziani (1748). Il salone del piano nobile fu affrescato da Basilio Lasinio (1790) e a metà ’800 Pietro Paoletti dipinse le Allegorie dei quattro Continenti in una delle stanze principali. Oggi il Palazzo ospita la collezione d’arte della Fondazione, in cui spiccano importanti opere di Guglielmo Ciardi che saranno visitabili dalla cittadinanza nel fine settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento