Mancano gli iscritti: chiusa la scuola elementare di Campagnola

Il piccolo istituto scolastico è stato "fagocitato" dalla sede centrale di Mareno di Piave. Le ultime due classi rimaste saranno accorpate a partire dal mese di settembre 2019

Foto tratta da Google Immagini

La piccola frazione di Campagnola perderà nei prossimi mesi la sua scuola elementare, fagocitata dal nuovo complesso scolastico costruito a Mareno di Piave. Da alcuni anni ormai, l'istituto non riusciva più a formare una classe prima e così, ad oggi, erano rimasti nelle aule delle elementari solo gli studenti di terza, quarta e quinta. Poco meno di 50 bambini in un edificio vecchio e bisognoso di manutenzione.

Come riportato dal sito "Qdpnews", il Comune di Mareno ha deciso di chiudere per sempre la scuola della frazione di Campagnola. Troppo pochi gli iscritti. I ragazzi attualmente in quinta elementare completeranno il loro percorso di studi fino a giugno. A quel punto le ultime due classi rimanenti saranno accorpate nella sede centrale di Mareno e la scuola elementare di Campagnola chiuderà definitivamente i battenti. Una notizia che era nell'aria ormai già da un po' di tempo. Nelle scorse ore è arrivata l'ufficialità della chiusura a partire dal prossimo anno scolastico. Una buona notizia per la scuola primaria “Gianni Rodari” e la media “Alessandro Manzoni” che, in centro a Mareno, accresceranno il loro numero di studenti. Un annuncio un po' meno felice per tutti i residenti di Campagnola, cresciuti insieme alla scuola elementare che negli anni ha formato centinaia di giovani marenesi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento