Conegliano città pulita: studenti e volontari scendono in strada

Presentata nelle scorse ore la nona edizione della manifestazione che si propone di ripulire le strade della città. In campo anche Piave Servizi: meno spreco e abbandono di plastica

Conegliano città Pulita è giunta ormai alla nona edizione e il sindaco Fabio Chies, l’assessore all’Ambiente Claudio Toppan hanno indirizzato l’attenzione all’abbandono della plastica una brutta abitudine che crea danni non solo all’ambiente ma anche alla filiera alimentare. Giovedì mattina in conferenza stampa alla presentazione anche la partecipazione del prefetto di Treviso la dottoressa Maria Rosaria Laganà. Bere l’acqua del rubinetto è fondamentale per evitare l’uso delle bottiglie in plastica che spesso, purtroppo non vengono conferite in modo corretto ma abbandonate in torrenti, fiumi e finendo in mare diventando “cibo” per i pesci, cibo dei nostri piatti, come ha ricordato il partner del progetto Piave Servizi.

Il Comune di Conegliano insieme a Savno da anni inoltre dedica risorse all’educazione ambientale sia con la manifestazione Conegliano città pulita, prevista negli istituti scolastici venerdì 9 novembre (durante tutto il corso della mattinata) alla quale quest’anno hanno aderito anche le scuole dell’infanzia oltre a numerose classi delle primarie e secondarie (Un esempio sarà la scuola primaria di Scomigo che insieme ai bambini della scuola dell’infanzia usciranno in passeggiata  per raccogliere le carte nella frazione di Scomigo) ma anche con laboratori creativi del progetto Ricreiamo Conegliano ai quali quest’anno hanno aderito nuovi istituti scolastici. Gli elaborati saranno esposti in Casa Fenzi a marzo 2019. Conegliano città pulita, in questo modo è diventata un esempio di manifestazione che coinvolge bambini e adulti, associazioni e singoli cittadini. 

Il tema scelto da questa edizione della manifestazione è l'invito a scegliere l'acqua del sindaco come soluzione contro l'uso intensivo di plastica. «A nome della società Piave Servizi ringrazio innanzitutto l’amministrazione comunale di Conegliano, che con la nona edizione dell’evento Conegliano Città Pulita ha voluto porre ancora una volta l’attenzione su una tematica fondamentale come quella del rispetto dell’ambiente. - ha scritto in un messaggio Alessandro Bonet, Presidente di Piave servizi - Un focus che ci chiama in causa direttamente, quello scelto per quest’anno: la valorizzazione dell’acqua del Sindaco contro lo spreco di plastica. Piave Servizi, in qualità di gestore del Servizio Idrico Integrato che serve oltre 345 mila cittadini di 39 comuni della sinistra Piave, è da sempre impegnata nella divulgazione della Cultura dell’acqua, in particolare mettendo l’accento sulle implicazioni positive dello scegliere l’acqua del rubinetto e delle casette dell’acqua. Questo non solo perché l’acqua pubblica è buona, fresca, controllata almeno 5 volte al giorno ed economica, ma soprattutto perché è ecologica. Si evita infatti l’uso delle bottiglie in plastica, che spesso purtroppo non vengono smaltite in modo coretto, diventando dannose per la nostra salute e per quella del mondo in cui siamo immersi. Grazie alle 34 casette dell’acqua di Piave Servizi dislocate sul territorio, che erogano circa 20mila litri d’acqua ogni 24 ore, riusciamo infatti ad evitare l’uso di ben 20 mila bottiglie di plastica al giorno». Continua poi la ricerca di idee con il concorso aperto agli studenti e ai singoli cittadini: "Mantieni la città pulita, tu come lo diresti". I cartelli e gli slogan ideati saranno utilizzati per le campagne facebook ma quelli più interessanti diventeranno dei veri e propri cartelli da esporre nei parchi pubblici. Quest’anno nello spirito di creare rete tra le associazioni l’Enpa seguirà l’infopoint sulla gradinata , l’Associazione Piccola Comunità si è impegnata per aiutare a preparare i materiali di comunicazione, distribuirli in città e nelle scuole oltre che alla realizzazione di simpatici gadgets realizzati con materiali di recupero. Altra iniziativa importante è la la t-shirt con la scritta NET FA NET che l’Assessore ha voluto donare ai volontari per ringraziarli, creando in questo una simpatica divisa promozionale di questa iniziativa giunta ormai alla 9° edizione. Le t-shirt sono state sostenute da Piave Servizi, Amorim Cork Italia che con il Progetto Etico si impegna a raccogliere i tappi usati per riciclarli e trasformarli in risorsa aiutando progetti benefici e Memorial azienda storica di Conegliano sempre sensibile ad iniziative a favore del bene comune. Nella mattinata di sabato 10 novembre famiglie e associazioni scenderanno in campo per la pulizia dei quartieri cittadini. Oltre 300 i volontari in campo, con uno zoccolo duro di circa 20 associazioni che partecipano con continuità da circa 9 anni e nuove che di anno in anno si aggiungono per un totale di 30 associazioni. Tra le novità del 2018 hanno aderito inoltre nuove associazioni come la “chiesa evangelica” che parteciperà con 12 volontari. Hanno confermato tutte le associazioni che da 9 anni dedicano il loro tempo al decoro urbano. Conegliano Città Pulita è stata coordinata dall’Ufficio Ambiente in collaborazione con lo staff del progetto Ricrearti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Champions, l'Imoco strapazza Lodz (0-3) e torna in corsa

  • blog

    Core Festival parte "a mille": Calcutta in concerto a Treviso

  • Cronaca

    Esce fuori pista con gli sci e precipita in un dirupo, muore 63enne

  • Cronaca

    Trovato morto in Restera, il caso di Andrea Dorcich verso l'archiviazione

I più letti della settimana

  • Sperona l'auto dei carabinieri, scende e la prende a picconate

  • La cena della Lega finisce male: problemi intestinali per 50 militanti

  • Violentata dai colleghi alla cena aziendale: il caso finisce in tribunale

  • Nevicate in arrivo fino a bassa quota: scatta l'allerta della Regione

  • Nuovo centro commerciale lungo la Feltrina: assumerà 150 disoccupati

  • Auto nel parcheggio per i disabili: malata di fibrosi cistica rimproverata dal medico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento