Conegliano premia i suoi locali storici: grande festa in Comune

L'amministrazione comunale guidata dal sindaco Chies ha consegnato delle speciali targhe ai locali aperti da più di 40 anni ringraziandoli per il loro servizio alla comunità

Foto Da Ros Pollesel

Si è svolta lunedì mattina, 18 febbraio, la premiazione dei locali storici di Conegliano e dei loro titolari. Un evento ricco di emozioni e fortemente voluto dall'amministrazione cittadina.

DSC_2164-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cerimonia si è svolta nella sala consiliare del Comune di Conegliano alla presenza del sindaco Fabio Chies, dell’assessore Colombari e del presidente Ascom Federico Capraro. Premiate le attività aperte da almeno 40 anni in città, nello specifico: Alla Sorte, Canon d’Oro, Valigeria Marisa, Negozio Paludetti, Pasticceria Alpago, Ristorante al Salisà, Pasticceria Firmino e la Calzoleria Cancian. I titolari, insieme ai loro familiari, sono intervenuti a ritirare le targhe onorarie in un misto di gioia e commozione. Il primo cittadino ha voluto dedicare loro un ringraziamento speciale per tutti gli anni di lavoro al servizio non solo dei clienti ma di tutta la città di Conegliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento