Coronavirus: due nuovi decessi a Treviso, 41 le persone dimesse

Nel nuovo bollettino emesso venerdì mattina, 13 marzo, si registrano 17 nuovi casi in provincia di Treviso rispetto a ieri. In Veneto i pazienti contagiati salgono a 1673 1595

Dal 21 febbraio a oggi, venerdì 13 marzo, sono morte 25 persone malate di Coronavirus nel solo ospedale Ca' Foncello di Treviso. Rispetto a venerdì mattina non c'è stato però nessun nuovo decesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo bollettino emesso da Azienda Zero indica 11 nuovi pazienti risultati positivi in provincia di Treviso rispetto a stamattina per un totale di 338 casi solo nella Marca. Un bilancio che si fa ancora più preoccupante se si considera il numero totale di pazienti contagiati nel Veneto: sono 1673, 78 persone in più rispetto a venerdì mattina quando si era arrivati a 1595 casi. Nove pazienti sono al momento ricoverati in Terapia intensiva a Treviso. Dieci all'ospedale di Conegliano. Tra i ricoveri meno gravi si contano 6 persone all'ospedale di Vittorio Veneto, 5 a Castelfranco e 2 a Montebelluna. La buona notizia è che, all'ospedale Ca' Foncello, dal 21 febbraio a oggi sono state dimesse 41 persone e che nessun nuovo decesso è avvenuto in tutta la provincia venerdì pomeriggio. L'invito delle istituzioni e del personale medico è quello di restare in casa il più possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento