Emergenza Coronavirus: il Comune sospende il mercato cittadino fino al 3 aprile

Treviso si associa a Conegliano e Preganziol per cercare di limitare il più possibile le occasioni di contagio derivate dal Coronavirus

Nelle ultime ore il Comune di Treviso ha comunicato che, da giovedì 12 marzo e fino al 3 aprile, in via precauzionale e al fine di contenere il rischio di diffusione del COVID – 19, è stata disposta con ordinanza sindacale la sospensione dei mercati del territorio comunale di Treviso: Isola della Pescheria e Corte San Parisio, viale e Piazzale Burchiellati, Borgo Mazzini e Piazza Matteotti, San Liberale, San Pelaio, Fiera – Villaggio Gescal (agricolo), Campagna Amica di Monigo (agricolo), Borgo Cavour (antiquariato). «Si tratta di un atto di responsabilità a tutela della salute dei cittadini», spiega il sindaco di Treviso Mario Conte. «Le disposizioni contenute nei decreti ci chiedono uno sforzo e intendiamo contribuire attivamente alla limitazione dei contagi. Ai cittadini lancio l’appello di stare a casa, di limitare i contatti sociali e gli spostamenti alle sole esigenze di lavoro e di salute».

Non solo Treviso, ma anche Pieve di Soligo (quello del giovedì dedicato ai produttori agricoli locali e il tradizionale appuntamento del sabato mattina con il mercato comunale) e Preganziol hanno deliberato la chiusura del proprio mercato settimanale fino al prossimo 3 prile. «Dai contatti con le tante Amministrazioni Locali e le autorità preposte arriviamo a nuove scelte di prevenzione e a far il punto su alcune questioni "grigie" non ancora risolte. Per quanto riguarda l'asporto per ristorazione, in tal senso il Governo scrive espressamente che bar e ristorazione sono aperti al pubblico dalle 6 alle 18 - dichiara il sindaco di Preganziol, Paolo Galeano - Dopo le 18 l'attività può continuare solo se fa consegne a domicilio. Mercoledì pomeriggio la Polizia Locale porterà loro il testo del documento con evidenziata la parte interessata per informare bene ciascuno. Per uanto concerne, invece, il mercato settimanale, siccome ad oggi è consentito solo per i generi alimentari ove vi sia recinzione e controllo degli accessi e questa cosa di fatto è poco praticabile, adotteremo anche noi a Preganziol in accordo con altri comuni del territorio la sospensione del mercato. Il mercato quindi giovedì non ci sarà».

«Per quanto attiene poi a parrucchieri ed estetiste, le Indicazioni che abbiamo ad oggi sono che essi possono lavorare gestendo i clienti per appuntamento (evitando che ci siano più persone ad aspettare nei locali) e usando guanti, mascherine e prescrizioni igieniche ormai note. Considerato in ogni caso l'aggravarsi dell'impatto economico e sociale di questa emergenza, nella seduta di martedì la Giunta Comunale ha iniziato ad effettuare una ricognizione sulle possibili misure da adottare a supporto dei cittadini e delle attività economiche - continua il primo cittadino di Pregaziol - Gli ambiti coinvolti nelle valutazioni stesse riguardano sia il sostegno alle famiglie i cui figli frequentano i nidi comunali e le scuole dell'Istituto Comprensivo per i costi riferiti ai servizi non utilizzati, sia le azioni, da adottare in concerto con le altre Amministrazioni del territorio e su cui coinvolgere anche i livelli istituzionali superiori, per alleggerire le conseguenze a carico del tessuto economico (ad esempio posticipo di alcune scadenze fiscali di nostra competenza…)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Stiamo inoltre organizzando, in collaborazione con l'associazione dei commercianti "Asse T" e con tanti volontari del territorio, un servizio di recapito a domicilio della spesa in favore dei soggetti impossibilitati a provvedervi autonomamente o che, per motivi di opportunità, dovranno uscire di casa il meno possibile nelle prossime settimane. Sono moltissime le istanze che in questo momento ci arrivano dal territorio, non tutte di competenza strettamente comunale: ci impegniamo a farle nostre e a portarle all'attenzione dei livelli di governo e degli enti competenti. Avanti insieme!» chiosa il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento