"Corsa contro la fame": allo Stadio Quaggia studenti insieme contro la malnutrizione

Si tratta di un progetto innovativo che, mettendo insieme didattica, sport e solidarietà, rappresenta un'opportunità di formare, responsabilizzare e coinvolgere i ragazzi sul tema della fame infantile

Nella mattinata di giovedì i campi del Mogliano Rugby hanno ospitato l’annuale “corsa contro la fame” organizzata per formare, sensibilizzare e coinvolgere i ragazzi sul tema della fame e della malnutrizione. Si tratta di un progetto globale che, in 30 Paesi del mondo, annualmente coinvolge 2.000 scuole e 500.000 studenti. Nei campi di Via Colelli erano presenti i ragazzi delle prime medie A, B, C, D, E, F, della scuola Rita Levi Montalcini di Via Gagliardi, accompagnati dalle professoresse Mirta Michieletto, Martina Ronchin, Sonia Fenso e coordinati dalla professoressa Katia Pettenò. “Siamo contenti di aver potuto ospitare questo evento", dichiara il Presidente del Mogliano Rugby 1969 Maurizio Piccin, "perché in armonia con la nostra sensibilità personale e perfettamente coerente con una attività di sensibilizzazione che abbiamo avviato anche nella nostra zocietà, con la collaborazione del nostro sponsor Farmacie alla Marca e dell'Università degli Studi di Padova”.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento