I trevigiani Eleonora De Marchi e Francesco Brutto vincono il premio Locanda da Gerry

La giuria ha votato la rosa dei tre giovani che si sono distinti per il loro talento. Sul podio anche il vicentino Andrea Mocellin, inventore del progetto Revolve

MONFUMO La giuria dello storico premio “Locanda da Gerry”, ideato da Gerry Menegon, titolare col fratello del ristorante omonimo di Monfumo, ha proclamato i vincitori assoluti che si sono distinti per il loro talento. Ecco chi sono i tre giovani under 35 saliti sul podio delle eccellenze: lo chef Francesco Brutto, la campionessa mondiale di scherma Eleonora De Marchi e l’inventore Andrea Mocellin.

Francesco Brutto, trevigiano di Campocroce, classe 1988, è uno chef prodigio che vanta prestigiosi premi, tra i quali una stella Michelin per entrambi i ristoranti che gestisce, il Venissa di Mazzorbo a Venezia e Undicesimo Vineria a Treviso, Tre Cappelli alla Guida dell’Espresso di quest’anno, la stessa che già nel 2017 l’aveva nominato “Giovane dell’anno”. Il secondo talento viene da Castelfranco Veneto, ed è la campionessa di scherma Eleonora De Marchi, appena ventenne e già pluripremiata. Componente della Nazionale italiana assoluta di spada femminile, ha collezionato molteplici Coppe Oro del Mondo, tra le quali Under20 a Burgos, in Spagna e a Helsinki in Russia, e le recenti sia in squadra che individuale a Laupheim, in Germania. Infine, il terzo giovane che si è aggiudicato il premio arriva dalla provincia di Vicenza, a San Nazario in Valbrenta, ed è Andrea Mocellin, innovativo designer trentatreenne. Laureato in un Master in progettazione di veicoli al Royal College of Art di Londra, il suo curriculum riporta esperienze professionali notevoli con i più famosi marchi d’auto come Fiat, Audi e Ferrari. Mocellin si è distinto in particolare per aver inventato Revolve, la prima ruota modulare che si può piegare e infilare anche in zaino: il sogno dei viaggiatori e dei pendolari.

Lo storico premio “Locanda da Gerry” è nato nel 2008 e, dopo una pausa creativa, è tornato con una forte motivazione, “Sfatare il mito che l’Italia è un paese per vecchi, che non dà spazio quindi alle giovani leve”, spiega Gerry. “Il Premio vuole infatti dare visibilità a quei talenti under 35 che appartengono alla fascia territoriale compresa tra il Brenta e il Piave. Ma oltre a mettere in luce le grandi risorse umane del nostro territorio, abbiamo anche uno scopo sociale: una parte del ricavato viene devoluta a un'associazione di solidarietà  indicata di volta in volta, come sarà anche quest’anno”. Appuntamento dunque a venerdì 22 giugno presso il ristorante di Menegon a Monfumo, in via Chiesa 6, con una cena con ospiti vip per le premiazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Torna la neve a bassa quota: stato di attenzione nella Marca

Torna su
TrevisoToday è in caricamento