Il parroco viene trasferito, i fedeli gli organizzano una festa d'addio

A Crespano del Grappa il trasferimento di don Francesco ha scosso parecchi fedeli che, nei giorni scorsi, hanno voluto organizzargli un ultimo, speciale saluto con tutta la comunità

La foto della festa di saluto a Don Francesco

La comunità cristiana di Crespano del Grappa da fine estate ha ricevuto la notizia che il parroco Don Francesco Mascotto, suo fulcro e punto di riferimento dal 2003, sarebbe stato chiamato a servire la parrocchia di Dolo, dove si recherà tra pochi giorni.

«Negli ultimi tempi è stato impressionante toccare con mano la commozione e il profondo amore sentito da parte di tanti crespanesi verso Don Francesco. Un parroco, sì, un uomo di chiesa, ma prima di tutto un grandissimo uomo dotato di grande umanità, dotato di grandi idee atte ad abbracciare ed accogliere l'altro, qualunque fosse l'età, i trascorsi, i motivi che portavano l'altro nel suo cammino» dichiarano i fedeli della parrocchia. Gli insegnamenti di Don Francesco sono sempre stati concreti, la propria esistenza una scuola di vita per i suoi parrocchiani, un esempio per chi non vuole restare a lamentarsi di ciò che non va bene, ma vuole rimboccarsi le maniche e lavorare alla crescita di una comunità. Proprio partendo da questi insegnamenti, alcuni fedeli hanno deciso di organizzare nei giorni scorsi una festa di commiato per ringraziare, ancora una volta, quel parrocco che in pochi anni ha saputo lasciare una grandissima eredità nel cuore dei suoi fedeli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento