Loria: inaugurato il nuovo Ecocentro per la raccolta rifiuti

La nuova struttura sarà operativa da lunedì 4 giugno. Tra le sue numerose novità la più importante è quella del controllo accessi. Grande soddisfazione per i sindaci dei due comuni

LORIA E' stato inaugurato nella giornata di venerdì 25 maggio il nuovo ecocentro di Loria – Castello di Godego situato in via delle Fosse a Loria, che aprirà al pubblico a partire da lunedì 4 giugno.

La struttura, costruita in base al principio della sovracomunalità, è stata realizzata secondo criteri di efficienza e qualità per servire adeguatamente i cittadini dei due Comuni. “L’ecocentro è stato realizzato sulla base dell’esperienza maturata da Contarina con una particolare attenzione rivolta all’accessibilità e facilità di fruizione per i cittadini: l’obiettivo è quello di offrire un servizio di qualità capace di rispondere alle esigenze dei cittadini, nel pieno rispetto delle normative vigenti. La novità di questa struttura riguarda il sistema di controllo degli accessi per contrastare furti e intrusioni. All’ingresso sono state posizionate delle sbarre automatiche, gestite dagli addetti alla guardiania, che potranno così regolare il flusso di accesso e migliorare il controllo del materiale da conferire – ha commentato il presidente di Contarina Franco Zanata.

Il nuovo ecocentro si sviluppa su una superficie complessiva di quasi seimila metri quadrati e offre ai cittadini un’ampia possibilità di differenziazione grazie ad una importante capacità volumetrica. La struttura, infatti, è dotata di diciotto postazioni per i cassoni scarrabili, oltre ad una “isola” riservata ai Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) e un’altra per i rifiuti pericolosi, al fine di garantirne una corretta e più ordinata raccolta. Inoltre, è presente una speciale cisterna per la raccolta dell’olio vegetale esausto, in grado di misurare l’olio versato con il nuovo contenitore verde da 3 litri e riconoscere l’utenza che lo ha portato. Tante le soluzioni tecnico-costruttive realizzate per quest’opera, a partire da una rampa sopraelevata per facilitare il conferimento dall’alto dei rifiuti nel nuovo ecocentro, che agevola gli utenti sia nel transito all’interno dell’area sia nelle fasi di scarico dei rifiuti. Inoltre, la sicurezza della struttura è garantita da un sistema di videosorveglianza, con videocamere fisse e mobili che vigileranno l’area anche negli orari di chiusura, così da disincentivare possibili intrusioni e il furto di materiali. Grande soddisfazione espressa dai sindaci di Loria, Silvano Marchiori, e di Castello di Godego Pier Antonio Nicoletti: “La proposta e la realizzazione di questa utile ed importante opera da parte di Contarina per le comunità paesane risulta la migliore soluzione per avere nel contempo una struttura funzionale e adeguata alle esigenze dei cittadini e il minor consumo ambientale che due separati impianti o altre diverse soluzioni comporterebbero. La necessità di dover chiudere l’ecocentro godigese a causa sia dell’inadeguatezza che nel tempo si è manifestata, sia del venire meno del rispetto della normativa vigente - che non consentiva più il suo utilizzo, trova in questa nuova struttura un efficiente servizio a favore della comunità”. Gli attuali ecocentri, non più adeguati all’elevato flusso di accesso di utenti e alla normativa vigente, verranno chiusi e dismessi. Gli ultimi giorni di apertura saranno: mercoledì 30 maggio per Loria e giovedì 31 maggio per il centro di Castello di Godego in via dell’Artigianato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento