Edilizia pubblica: sette nuovi amministratori per le Ater del Veneto

Designati nelle scorse ore i sette amministratori che gestiranno i 33.366 mila alloggi del patrimonio regionale di edilizia residenziale pubblica. Riforma operativa a tutti gli effetti

Foto d'archivio

TREVISO Con la firma dei sette decreti da parte del presidente della Regione Luca Zaia, entrano in carica da oggi i presidenti e i nuovi consigli di amministrazione delle Ater, le sette Aziende territoriali del Veneto che gestiscono i 33.366 mila alloggi del patrimonio regionale di edilizia residenziale pubblica.

Questi i nomi dei componenti dei consigli di amministrazione, eletti dal Consiglio regionale e ora insediati dal presidente della Giunta, che resteranno in carica - come prevede la legge 39 del 2017 - per la durata della legislatura, cioè fino al 2020:
Ater di Treviso: Luca Barattin (presidente); Mattia Ierardi  e Oscar Borsato, consiglieri;
Ater di Belluno: Ilenia Rento (presidente), Francesco La Grua e Massimiliano Tiozzo Caenazzo, consiglieri;
Ater di Padova; Gianluca Zaramella (presidente), Gregorio Cavalla e Massimo Petterlin, consiglieri;
Ater di Rovigo: Guglielmo Ferrarese (presidente); Pier Paolo Frigato e Gianfranco Munari, consiglieri;
Ater di Venezia: Raffaele Speranzon (presidente); Fabio Nordio e Maurizio De Crescenzo, consiglieri;
Ater di Verona: Enrico Corsi (presidente); Giovanni Pesenato e Claudio Righetti, consiglieri;
Ater di Vicenza: Valentino Scomazzon (presidente); Gilberto Trevisan e Ingrid Bianchi, consiglieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Da oggi la riforma dell’edilizia residenziale pubblica diventa così pienamente operativa – ha dichiarato l’assessore all'edilizia residenziale, Manuela Lanzarin – I nuovi consigli di amministrazione, più snelli e composti da persone che ben conoscono la materia, dovranno applicare le norme e i regolamenti approvati in questi mesi da Consiglio e Giunta con la finalità di favorire la funzione sociale delle case ‘pubbliche’”. “Ai sette presidenti e ai quattordici consiglieri – conclude l’assessore – la Regione ha affidato l’impegnativo compito di rendere più efficiente la gestione del patrimonio residenziale, di migliorarne la condizione abitativa e di applicare, con discernimento ed equilibrio, i nuovi contratti e i nuovi canoni, secondo un disegno di omogeneità territoriale e di equità sociale. Auguro loro buon lavoro, confermando il pieno appoggio e collaborazione da parte dell’istituzione regionale in questa fase delicata di transizione e riorganizzazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Istruttore del Cai e lavoratore in cantina: Samuele muore a 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento