Banca ore solidale all'Electrolux: marito dona ferie e permessi alla moglie malata

Sono già tanti anche i colleghi della coppia che hanno chiesto informazioni per aiutare marito e moglie in questa difficile situazione: se lo vorranno, potranno donare le ore entro la fine di maggio

L'ingresso dell'azienda

Banca ore solidale: firmato oggi, lunedì, il primo accordo aziendale in provincia di Treviso che recepisce e amplia l’istituto nato con il Jobs Act e previsto nel contratto nazionale del settore metalmeccanico. I dipendenti dello stabilimento di Susegana della Electrolux potranno donare ore di ferie e permessi a una loro collega gravemente malata che ha terminato il periodo di malattia retribuita. L’accordo è stato firmato questa mattina, lunedì 29 aprile, dai rappresentanti aziendali e delle organizzazioni sindacali territoriali di categoria Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil nella sede di Assindustria Veneto Centro. L’accordo si è reso necessario per aiutare una dipendente del settore impiegatizio colpita da una grave e lunga malattia e che ha terminato il periodo di comporto. L’intesa, fortemente voluta dalle organizzazioni sindacali, supera quanto previsto dal contratto nazionale, dando la possibilità della cessione dei riposi e delle ferie a colleghi non solo per l’assistenza di figli minori che necessitano di cure, ma anche per affrontare problemi personali dei dipendenti.

Nel caso specifico, grazie a questa intesa, il marito potrà devolvere le sue ore di permessi e parte delle ferie alla moglie. Ma sono già tanti anche i colleghi della coppia che hanno chiesto informazioni per aiutare marito e moglie in questa difficile situazione: se lo vorranno, potranno donare le ore entro la fine di maggio.

«È il primo accordo di questo tipo nel settore metalmeccanico della provincia di Treviso -spiega Antonio Bianchin della Fim Cisl Belluno Treviso- ne siamo soddisfatti perché dà sostanza a quanto sottoscritto l’anno scorso nel contratto nazionale e a quanto prevede il Jobs Act in merito alla banca ore solidale, ampliandone le possibilità di applicazione. In un periodo in cui dominano l’individualismo e l’egoismo, è importante incoraggiare e sostenere forme di solidarietà fra colleghi nei casi di situazioni particolarmente difficili come una malattia lunga».

«È proprio a partire dai grandi gruppi industriali che questa buona pratica di solidarietà può estendersi in tutto il contesto provinciale incidendo positivamente sulla vita familiare dei lavoratori in condizione di particolari necessità -Enrico Botter, segretario generale FIOM CGIL di Treviso- Questo con Electrolux è il primo accordo che i metalmeccanici siglano unitariamente nel territorio. Un aspetto della contrattazione aziendale che cercheremo di esportare in altre realtà trevigiane».

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Scontro tra camion e un'auto, gravissima una 55enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento