Epatite fulminante, il sorriso di Ennio Vendramini si spegne a 53 anni

Impiegato presso i supermercati Visotto, è stato per anni anima del volontariato locale. Residente a Lutrano di Fontanelle ha perso la vita a Verona. Giovedì i funerali a Mansuè

In foto: Ennio Vendramini

Sembravano i sintomi di una normale influenza ma, nel giro di sole due settimane, Ennio Vendramini ha perso la vita a soli 53 anni per un'epatite fulminante che lo ha stroncato martedì 4 febbraio all'ospedale di Verona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", Vendramini viveva nella frazione di Lutrano a Fontanelle ma era molto conosciuto nella zona dell'opitergino per il suo lavoro presso la catena di supermercati Visotto. Due settimane fa i primi sintomi della malattia hanno iniziato a manifestarsi. Una febbre molto alta che non accennava a scendere. Ricoverato a Treviso il 31 gennaio, Vendramini è stato trasferito d'urgenza in ospedale a Verona dopo che le sue condizioni di salute sono peggiorate all'improvviso. Nel capoluogo scaligero i medici hanno capito che per il 53enne l'unica via di salvezza sarebbe stato un trapianto di fegato ma ormai era troppo tardi. Martedì 4 febbraio il cuore del 53enne ha smesso di battere. Sul suo corpo è stata effettuata un'autopsia per accertare le esatte cause del decesso. L'ipotesi più probabile è che Vendramini sia morto per una forma di epatite fulminante che non gli ha lasciato alcuna via di scampo. Ancora sconvolti la moglie Liliana e i due figli Luca e Giulia. Vendramini è stato per anni anima del volontariato locale. I funerali saranno celebrati giovedì 13 febbraio alle ore 15 nella chiesa di Mansuè.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento