A Vedelago torna l'appuntamento con la Festa dei nonni

Il Comune, Fap Acli e OIC Vedelago organizzano mercoledì 2 ottobre, per il secondo anno di fila, un pomeriggio di festa con merenda e spettacolo dei burattini per nonni e nipoti

Nonno e nipote (Foto d'archivio)

Anche quest’anno i nonni a Vedelago festeggiano insieme ai nipotini la loro festa il 2 ottobre, giorno stabilito nel 2005 dal Parlamento per celebrare l'importanza del ruolo dei nonni all'interno delle famiglie e della società.

L’appuntamento di mercoledì è alle 15.30 per una merenda all’OIC di Vedelago. A seguire, con inizio alle ore 16, ci sarà lo spettacolo di burattini con la compagnia Aldrighi. L’ingresso è libero. «Con grande gioia riproponiamo questa iniziativa che già nella sua prima edizione lo scorso anno aveva avuto successo – commenta Denisse Braccio assessore alla cultura - In quel caso la manifestazione era nata dalla collaborazione tra Comune e Acli. Stavolta invece l’appuntamento si estende coinvolgendo l’Oic Vedelago. Ci auguriamo che il coinvolgimento sia ancora più esteso e che possano partecipare oltre ai nonni ospiti del centro anche tanti altri dal territorio con i propri nipotini. Non mancheranno intrattenimento e simpatiche sorprese tra cui un segnalibro che i bambini delle scuole dell’infanzia hanno decorato e doneranno ai nonni». «Quest’anno raddoppiamo le nostre feste, oltre a Vedelago saremo anche a Ponte di Piave, allargando in modo significativo la collaborazione con le realtà del territorio - sottolineano Francesco Tarantolo segretario delle Fap Acli di Treviso - con queste proposte vogliamo contribuire a festeggiare l’esercito di 10 milioni di nonni che vivono in Italia, il 71,4% della popolazione Over 65».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una fascia di popolazione che, grazie all’aumento della speranza di vita, gioca un ruolo sempre più da protagonista nel quotidiano di ogni famiglia, rappresentando in particolare per i nipoti un punto di riferimento imprescindibile dal punto di vista affettivo ed educativo. «Non a caso anche noi, come Fap Acli, stiamo sempre più indirizzando il nostro impegno in un’ottica intergenerazionale, unendo la tutela degli interessi di pensionati e anziani con l’attenzione al bene comune per la società e in particolare alle prospettive per i più giovani. Noi nonni residenti presso la Civitas Vitae Vedelago ringraziamo il Comune di Vedelago e la Fap Acli di Treviso per la collaborazione che ci aiuta a far vivere questo luogo come infrastruttura di coesione sociale intergenerazionale – dicono dall’Oic di Vedelago - Civitas Vitae significa Città della Vita, un luogo che prende vita quando le generazioni si incontrano e condividono insieme delle esperienze, si conoscono, si avvicinano, si sorridono, si scoprono. Per una società che ha frammentato e diviso le generazioni incoraggiamo queste collaborazioni che condividono l’impegno comune di creare nuove occasioni e nuovi luoghi dove gettare le basi per un nuovo welfare di comunità. Aspettiamo nonni e nipoti numerosi per festeggiare insieme la nostra festa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Macabro ritrovamento in serata: scoperto un cadavere vicino al Melma

Torna su
TrevisoToday è in caricamento