Si fingono avvocati del Comune e chiedono informazioni sulla tragedia del Molinetto

Domenica scorsa due uomini si sono rivolti ai volontari dell'associazione Molinetto della Croda spacciandosi per i legali del Comune e rivolgendo loro numerose domande

Sono arrivati al Molinetto della Croda domenica scorsa, durante il normale orario di visite per il pubblico. Erano in due e si sono presentati come gli avvocati dello studio legale che rappresenta il Comune di Refrontolo. Ai volontari presenti sul posto hanno fatto numerose domande tecniche sulla tragedia avvenuta il 2 agosto 2014 alla Festa dei omi. Ottenute le risposte che volevano hanno ringraziato e sono spariti nel nulla. Insospettiti, i volontari dell'associazione Molinetto della Croda hanno subito informato il Comune dell'accaduto e, solo a quel punto, hanno scoperto che i due avvocati non erano chi dicevano di essere ma due millantatori venuti per estorcere informazioni di nascosto.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", la notizia ha lasciato senza parole il sindaco di Refrontolo Mauro Canal. Sugli eventi del 2 agosto 2014 è infatti ancora in corso un delicato procedimento civile. I filmati della videocamere di sorveglianza sono stati consegnati alle forze dell'ordine che si sono messe subito al lavoro per provare a risalire all'identità dei sedicenti avvocati. A di poco amareggiati per quanto accaduto anche i volontari dell'associazione Molinetto della Croda che, ogni weekend, continuano ad accogliere i visitatori dando informazioni preziose su uno dei luoghi più amati della provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Cade dalla sedia della sua cameretta, bimbo di nove anni grave all'ospedale

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento