Fontana riempita di schiuma dai vandali: caccia ai responsabili

L'episodio è avvenuto martedì mattina, 18 febbraio, in piazza Vittorio Emanuele II a Pieve di Soligo. I filmati delle videocamere potrebbero identificare presto i colpevoli

In foto gli operai del Comune al lavoro per ripulire la fontana

Difficile pensare a un pessimo scherzo di Carnevale, molto più appropriato parlare di un vero e proprio atto vandalico ai danni della fontana di Piazza Vittorio Emanuele II a Pieve di Soligo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'episodio è avvenuto nella notte di martedì 18 febbraio. Alle prime luci del mattino molti i residenti si sono accorti che la fontana era stata riempita di schiuma. L'allarme è partito dai social ed è arrivato fino in Comune dove è stato disposto l'intervento immediato del personale per ripulire l'acqua piena di schiuma. L'operazione ha impiegato diverse ore, sollevando la curiosità dei residenti. Un atto vandalico ancora senza colpevoli dal momento che i responsabili sono riusciti a fuggire nottetempo dopo la loro bravata. La speranza è che le videocamere della zona li abbiano ripresi in azione. Il Comune è intenzionato a sporgere denuncia contro i responsabili per il danno procurato alla fontana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento