"Il teatro si fa in quattro": ecco la nuova rassegna di spettacoli di Silea

Il fiume Sile diventa veicolo culturale della prima ambiziosa rassegna teatrale in rete per la stagione 2018/2019 che porterà in scena dieci spettacoli per famiglie e per adulti

Le Amministrazioni Comunali di Silea, Casale sul Sile, Casier e Roncade, in collaborazione con “Stivalaccio Teatro”, promuovono la prima rassegna teatrale in rete “Il teatro di fa in quattro” che, per la stagione 2018/2019, porterà in scena dieci spettacoli per famiglie e per adulti, rendendo il Sile veicolo culturale e di promozione del territorio superando i confini comunali in modo da creare le condizioni ideali per consentire ai cittadini di muoversi, incontrarsi e condividere l’esperienza culturale di andare a teatro.

Scopo dell’iniziativa è attuare un avvicinamento della cittadinanza al mondo del teatro e più in generale alla cultura: infatti, da un lato verranno proposti degli spettacoli di grande qualità artistica e dall’altro si responsabilizzerà il pubblico ad una partecipazione consapevole mediante l’introduzione del pagamento di un piccolo biglietto che ammonterà a 8 euro se intero e a 5 euro se ridotto. Le riduzioni, oltre che per le fasce d’età under 30 e over 65, sono previste per i tesserati delle biblioteche, con una forte valenza di avvicinamento alla lettura e di preparazione alla rappresentazione teatrale. Inoltre, sono previste la promozione per famiglia a 15 euro e l’abbonamento a 10 spettacoli a 50 euro. I biglietti si potranno acquistare dalle ore 16.00 presso i luoghi di spettacolo oppure in prevendita on-line su www.mailticket.it. Il programma si svolgerà a partire dal mese di novembre e proseguirà fino al mese di marzo, alternando territori, spettacoli per adulti e per bambini, portati in scena da sette diverse compagnie: Stivalaccio Teatro, Febo Teatro e Fondazione Aida,  Nata Teatro, Teatro Guscone, Teatro Blu, Mataz Teatro e Molino Rosenkranz.

L’Assessore alla Cultura del Comune di Silea, Angela Trevisin: “Da tempo le Amministrazioni Comunali di Silea, Casale sul Sile, Casier e Roncade, lavorano a progetti culturali in rete ma, per la prima volta, abbiamo strutturato un progetto articolato sia per quantità di spettacoli sia per il maggiore coinvolgimento della cittadinanza alla vita della comunità. Ricordo che il tema delle reti culturali di Enti locali fa parte degli obiettivi formativi del Programma Regionale per il  Fondo Sociale Europeo, segno che la direzione giusta da perseguire è unire le forze e promuovere un unico territorio. E’ nostra intenzione abbattere i confini territoriali, mantenendo le specificità che ci caratterizzano, a favore di un concetto più esteso di comunità per una cultura condivisa e partecipata, unita dal nostro fiume Sile perché, appunto il teatro e la cultura si fanno in quattro”.

L’organizzatore della Compagnia Stivalaccio Teatro, Federico Corona: “Stivalaccio Teatro è attivo da anni nella valorizzazione del teatro popolare. Abbiamo pensato, in acordo con le amministrazioni comunali, di dar vita ad un progetto di rete che riuscisse a parlare al maggior numero di persone. È così che "Il teatro si fa in quattro" abbraccia il teatro popolare, con la rivisitazione di grandi classici in chiave contemporanea e popolare, il teatro ragazzi, con alcune delle produzioni più appezzate a livello nazionale e un evento speciale per la giornata della memoria. In un'epoca iperconnessa e iperveloce come quella che stiamo vivendo, crediamo sia importante creare dei momenti di aggregazione e incontro che solo la convocazione dell'arte dal vivo può dare. Un modo per stare insieme e per vivere appieno la fantasia reale e umana del teatro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento