Frasi choc contro i migranti: insegnante e candidato consigliere nella bufera

Tancredi Sforzin è stato segnalato dall'Osservatorio antifascista di Vittorio Veneto per i suoi post pubblicati su Facebook contro i migranti. Rischia di essere denunciato

In foto: Tancredi Sforzin (Immagine tratta da Facebook)

Di giorno insegnante di scuola primaria, in servizio a Gaiarine, su Facebook istigatore dell'odio razziale e autore di numerosi post contro i migranti ospitati nei centri accoglienza del Vittoriese.

Tancredi-2-2

A Vittorio Veneto Tancredi Sforzin, candidato a consigliere comunale con la lista "Miatto sindaco" è finito nella bufera dopo le frasi denunciate dall'Osservatorio antifascista vittoriese che ha portato alla luce molte dichiarazioni dell'insegnante che rischiano ora di costargli molto caro. Tra i post pubblicati in passato sul suo profilo (oggi cancellati e non più visibili) si potevano leggere frasi come queste: «Fanno pulire il Meschio ai negri quando non sono in grado di lavarsi nemmeno le mutande» oppure « I negri del Ceis guardano i fuochi d’artificio gratis, senza aver versato un euro al comitato festeggiamenti». In occasione del Panevin, Sforzin aveva dichiarato sempre su Facebook: «Stasera brucierò tutti i libri di Gramsci che troverò nella biblioteca di Vittorio Veneto. La comunità non ha bisogno di leggere quello schifo. Il fuoco sacro degli antichi curerà e guarirà tutti i mali del corpo e della mente. Panevin vs. Comunismo».

Tancredi-1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Frasi e parole che rischiano di costare molto al candidato consigliere della lista "Miatto sindaco". L'osservatorio antifascista ha chiesto che il suo nome venga escluso dalle liste elettorali mentre il dirigente della scuola in cui Sforzin lavora ha dichiarato di non essere al corrente dei post pubblicati dall'insegnante ma, una volta letti, li ha definiti "inopportuni". Ora il docente rischia una segnalazione all'ufficio scolastico provinciale e una denuncia per le pesanti offese a sfondo razziale dei suoi post sui social network.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento