"Maggio dei libri": a Castelfranco una rassegna di mostre, letture e incontri

Il Polo Bibliotecario di Castelfranco propone una riflessione sul “Libro oggetto” in cui la narrazione si sviluppa attraverso le immagini e le illustrazioni

Ben 12 biblioteche insieme, 100 libri senza parole, un progetto del Polo bibliotecario per educare alla lettura dei così detti Silent Book: i libri che parlano tutte le lingue. Questo in sintesi il calendario di "Maggio dei libri" una rassegna di mostre, letture, formazione, incontri con autori ed editori, presentata dal vicesindaco, Gianfranco Giovine, dall’assessore alla Cultura, Franco Pivotti e dal direttore della Biblioteca, Matteo Melchiorre.

Attorno a una bibliografia di 100 libri Senza Parole, più frequentemente definiti Silent Book il Polo Bibliotecario di Castelfranco, propone una riflessione sul “Libro oggetto” in cui la narrazione si sviluppa attraverso le immagini e le illustrazioni. Senza il codice scritto il libro senza parole è capace di superare i limiti dell’età, della lingua, delle diversità linguistiche, per permettere un dialogo interculturale e intergenerazionale aperto, con bambini, ragazzi e adulti. Il progetto si articola in una serie di incontri che si svolgeranno tra il 17 e il 24 maggio nelle biblioteche del Polo, tra cui una tavola rotonda, letture animate per bambini e ragazzi, corsi di formazione per bibliotecari, insegnanti, educatori, genitori, lettori, e incontri con autori.

Il commento dell'assessore Franco Pivotti: «Castelfranco, a capo del Polo Bibliotecario, ha previsto questo calendario di incontri, di tavole rotonde e di presentazione di libri nell’intento anche di dare un servizio agli altri Comuni che sono parte di questo Polo. Una serie di proposte per addetti ai lavori ma anche per ragazzi, famiglie e per chi frequenta le Biblioteche. Mi auguro che tutte queste iniziative, come le altre previste nel mese di maggio, abbiamo una ricaduta sulla gente. Sono ottimista perché vedendo la Biblioteca sempre molto frequentata e gli incontri tenuti al primo piano con sala piena noto molto interesse. Questo è l’obiettivo, interessare la gente alla storia, alla cultura, all’arte». «Trovo grande vivacità in Città sulla cultura, proposte sempre molto sentite e questo può fare solo che piacere sulla strada della partecipazione della gente alla vita della Città. Il tutto poi nella direzione di creare opportunità di turismo e promozione del nostro Territorio» ha invece dichiarato il vicensindaco Gianfranco Giovine.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento