Colpita da un malore in casa: i soccorsi arrivano dopo tre giorni

Una signora di 64 anni, residente a Tarzo, è stata ritrovata lunedì stesa a terra, insanguinata e in stato confusionale. Non si avevano più sue notizie da venerdì scorso

L'hanno trovata stesa a terra in una pozza di sangue e con diverse ferite provocate da una caduta improvvisa. I vicini non avevano più sue notizie da venerdì scorso e, nella mattinata di lunedì 11 marzo, un assistente domiciliare ha deciso di andare a controllare di persona come mai la pensionata non rispondesse più al telefono, facendo perdere ogni sua traccia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scoperta, riportata da "Il Gazzettino di Treviso", è stata a dir poco drammatica. Quando l'assistente domiciliare è arrivato sul posto insieme ai vigili del fuoco, la porta di casa della sessantaquattrenne è stata sfondata e, solo a quel punto, è stato fatto il tragico ritrovamento. La pensionata si trovava stesa a terra in una pozza di sangue, con diverse ferite in varie parti del corpo e in totale stato confusionale. Fortunatamente era ancora viva e un'ambulanza del Suem 118 ha provveduto a trasportarla d'urgenza all'ospedale di Conegliano dove, al momento, la signora si trova ricoverata non in pericolo di vita. I vicini si erano insospettiti durante il fine settimana visto che, da un giorno all'altro, non avevano più visto la signora, residente in una casa di via Alnè a Tarzo. Sul posto, lunedì mattina, è arrivato anche il sindaco per capire la dinamica dell'accaduto. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che la signora, sempre sola in casa, sia stata colta da un malore improvviso nella giornata di venerdì. Il malore l'avrebbe fatta cadere a terra in maniera rovinosa provocandole diverse ferite e la conseguente perdita di sangue. Tornata cosciente, la donna non sarebbe più riuscita a rialzarsi e a chiamare aiuto. Per sua fortuna l'arrivo dell'assistente domiciliare è stato provvidenziale. Al rientro dall'ospedale, nei prossimi giorni, avrà bisogno di un aiuto costante in casa per evitare che altri episodi simili possano tornare a verificarsi anche in futuro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento