Marcelo, il ciclista che gira il Mondo con il suo gatto è arrivato a Treviso

Il sindaco Mario Conte ha accolto a braccia aperte Marcelo Rodriguez e il suo simpaticissimo compagno di viaggio, arrivati nel capoluogo di Marca, tappa del loro pellegrinaggio

Marcelo Rodriguez, il gatto Osiris e il sindaco Mario Conte (Foto tratta da Facebook)

Fornello da campo, tenda, pannelli solari per ricaricare il cellulare e un trasportino per il suo fedelissimo destriero, il gatto Osiris. Marcelo Rodriguez, 28 anni, viaggiatore madrileno che, da 4 anni, ha lasciato il lavoro, venduto la casa e l’auto per girare l’Europa in bicicletta con il suo amico a 4 zampe.

Presto scriverà un libro su questa fantastica esperienza, partita dal Cammino di Santiago. Il sindaco di Treviso, Mario Conte, lo ha accolto in città nel pomeriggio di giovedì 9 gennaio e sono stati in molti i passanti incuriositi dall'arrivo del ciclista spagnolo in compagnia del suo simpatico compagno di viaggio. Per diversi minuti Marcelo si è fermato in compagnia dei trevigiani per fare foto e autografi. Sui social è molto seguito, basti pensare che ilsuo profilo Instagram (gato_nomada) vanta oltre cinquemila follower. Per sostenersi un po' nelle spese Marcelo stampa le foto che scatta e le vende per strada a chi è interessato. L'immagine più richiesta? Osiris a fianco della Torre di Pisa ma, dopo il suo passaggio nella Marca, anche qualche scatto con le bellezze di Treviso potrebbe diventare presto molto richiesto dai suoi fan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Più muscoli e meno grasso: gli alimenti che aiutano a costruire la tua massa magra

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Tensione in tribunale, avvocato perde la testa e aggredisce il giudice

  • Rara complicazione dell'influenza, muore bimba di dieci anni

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento