Sirti, altro sciopero dopo l’annuncio degli esuberi

A Mareno di Piave continua la protesta dei lavoratori, quasi totale l’adesione. Dopo le 4 di febbraio si aggiungono altre 3 ore di mobilitazione, oltre al blocco degli straordinari. Martedì 12 marzo l’incontro al Mise

Lo scioero alla "Sirti" di Mareno

Dopo le quattro ore di sciopero del 20 e del 22 febbraio scorso, continua la mobilitazione dei lavoratori della Sirti, che a seguito dell’assemblea di questa mattina hanno deciso di incrociare le braccia per tre ore fino alle ore 12.30 rappresentando la loro protesta fuori dai cancelli dello stabilimento di Mareno di Piave. La Sirti - ditta leader in Italia nel settore delle istallazioni e manutenzioni di reti telefoniche e ponti radio - proprio lo scorso mese ha annunciato 883 esuberi sui 4mila lavoratori in tutto il territorio nazionale, un taglio in Triveneto di circa un quinto della forza lavoro.

«Legittimamente i lavoratori hanno deciso di continuare sulla strada della protesta -ha detto Claudia Gava della FIOM Cgil di Treviso- e non si fermeranno. Tant’è che è stata praticamente totale l’adesione allo sciopero di oggi, sia tra gli operai che tra gli impiegati. Attendiamo l’incontro al Mise previsto per martedì 12 marzo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una folla per l'addio a Giulia, due famiglie unite nel dolore

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Magnesio: il segreto della vitalità

  • Palazzo restaurato, sulla facciata appaiono le immagini del Duce

Torna su
TrevisoToday è in caricamento