Matrimonio inclusivo per due coniugi trevigiani: a servire ai tavoli i ragazzi down

Cerimonia speciale per Barbara e Vanni che si sono sposati a Ponte di Piave venendo celebrati da Daniele Furlan, coordinatore del Comitato Melograno

Barbara e Vanni sono comuni amici di Daniele, ma non si conoscono fra di loro. Un giorno grazie all'intercessione di Daniele ciò avviene, i due si piacciono, cominciano a frequentarsi, iniziano una convivenza e alla fine decidono di sposarsi, desiderano però che la celebrazione del loro matrimonio venga effettuata proprio da colui che è stato il loro "Cupido". E così, grazie a una deroga concessa dal Ministero degli Interni di comune accordo con la Prefettura di Treviso e con la collaborazione dell'Ufficio Anagrafe del Comune di Ponte di Piave, a Daniele Furlan, coordinatore del Comitato Melograno (un "pool" di associazioni che si occupano di volontariato e disabilità in particolare), pur essendo tetraplegico, ovvero completamente paralizzato dal collo in giù e quindi impossibilitato a firmare, viene concessa la possibilità di celebrare il matrimonio.

La cerimonia civile si è svolta sabato 4 maggio presso il ristorante "Sette Nani" di Negrisia di Ponte di Piave, ma la sensibilità di Vanni e Barbara va oltre, poiché hanno deciso che i camerieri del pranzo nuziale che ha seguito la cerimonia fossero i ragazzi dell'Associazione Italiana Persone Down Marca Trevigiana di Mareno di Piave. Da anni infatti l'AIPD ha iniziato un processo di avviamento al lavoro, volto al conseguimento della maggiore autonomia possibile, iniziando proprio da quella lavorativa attraverso un processo di formazione professionale nel settore della ristorazione. «Una bella pagina di storia per chi, come le associazioni del Comitato Melograno, si batte da anni per l'inclusione sociale» ha commentato Daniele Furlan visibilmente emozionato nelle vesti del celebrante.

«Non è la prima volta che i ragazzi dell'AIPD vengono chiamati a svolgere questo tipo di servizio ai matrimoni - dichiara la coordinatrice Eliana Pin - ma ogni volta sono dei momenti che attendono con grande impazienza perché danno loro modo di dimostrare nella pratica quanto hanno studiato e imparato, tanto che alcuni di loro saranno chiamati ad effettuare la stagione turistica estiva presso alcune strutture ricettive del litorale veneto all'interno del "Progetto Turismo Sociale ed Inclusivo" che vede coinvolte oltre alla Regione del Veneto anche tutte le AULSS regionali.» Felici anche gli sposi Barbara e Vanni che hanno potuto condividere una giornata per loro così importante in un'atmosfera conviviale con amici e parenti, ma nello stesso tempo dimostrare che è sempre il valore delle persone quello che deve prevalere senza distinzioni di sorta, e questo può avvenire in qualsiasi contesto nella maniera più naturale possibile trasformando tutto ciò che è disabilità in normalità.

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Palazzetto da intitolare a Sara Anzanello: l'opposizione abbandona l'aula

  • Il Ca' Foncello entra nel programma di ricerca dell'Università di Padova

  • Decano della ristorazione e re dei funghi, addio a Roberto Miron

I più letti della settimana

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Ferma la corriera e abbandona 55 bimbi in autogrill: «Vado a Jesolo»

  • Furgone si schianta contro un platano, due morti e un ferito grave

Torna su
TrevisoToday è in caricamento