Olimpiadi invernali 2026: trionfa l'Italia con Milano e Cortina

Trionfo tricolore a Losanna dove il presidente del Cio, Thomas Bach, ha incoronato le due città italiane come scelta finale per ospitare i giochi olimpici che si terranno fra 7 anni

Luca Zaia esulta dopo l'annuncio della vittoria

Le Olimpiadi invernali del 2026 sono state assegnate a Milano-Cortina. L'atteso annuncio è stato dato dal presidente del Cio, Thomas Bach, dopo il voto dei membri del Comitato olimpico internazionale allo SwissTech Convention Center di Losanna.

La candidatura italiana ha sconfitto quella svedese di Stoccolma-Are. L'Italia tornerà quindi ad ospitare i Giochi invernali per la terza volta, vent'anni dopo Torino 2006 e 70 anni dopo l'edizione di Cortina 1956. Domani, martedì 24 giugno, il presidente Zaia commenterà la candidatura olimpica a Palazzo Balbi, sede della Regione a Venezia. «E' un sogno che diventa realtà» sono state le prime parole del Governatore veneto. L’assessore regionale al Lavoro del Veneto, Elena Donazzan, ha commentato così il verdetto del Cio: «Evviva, l’Italia ha vinto! Le Olimpiadi Invernali 2026 a Milano-Cortina saranno per il Veneto una grande occasione di sviluppo, di investimenti, di bello sport, per far conoscere il nostro bellissimo territorio. La nostra proposta ha vinto grazie ad un progetto sostenibile che ha saputo unire tutta la Nazione: un ringraziamento al presidente Luca Zaia, che ci ha creduto da subito e ha saputo promuovere un gran gioco di squadra» ha concluso l’assessore regionale.

Questo invece il commento di Matteo Zoppas, presidente di Confindustria Veneto: «Le Olimpiadi 2026 cominciano con questa vittoria dell'Italia. Il dossier presentato da Milano e Cortina era il più autorevole e il Cio ne ha preso atto. L'Italia si è presentata compatta e quando il gioco di squadra funziona, l'esito non può che essere positivo. La tenacia delle Regioni Veneto e Lombardia, dei Comuni di Milano e Cortina e di tutta la popolazione che si è sempre espressa a favore di questi giochi, rendendo la candidatura ancora più forte e credibile, è stata ripagata da un risultato straordinario. Un ringraziamento speciale alla lungimiranza del presidente Zaia e di tutta la squadra per averci condotto fino a questo grande traguardo. Come nella migliore tradizione sportiva, servono adesso dedizione e lavoro costante per rispettare gli impegni presi, affinché questa opportunità possa portare sviluppo e benefici duraturi alla montagna veneta e a tutto il nostro territorio. Sta a noi organizzare le più belle Olimpiadi invernali e prendere questo treno per sviluppare al meglio il nostro territorio. Possiamo cambiare faccia alle nostre, già fantastiche, montagne. E le imprese sono pronte a fare la propria parte per realizzare questo importante progetto e offrire all'Italia e al mondo intero la migliore edizione delle Olimpiadi invernali. Confindustria ha recentemente creato un apposito Gruppo tecnico nazionale “Sport e Grandi Eventi”, affidato alla presidente di Confindustria Belluno Maria Lorraine Berton, che seguirà da vicino i Campionati del Mondo di Sci Alpino e, da oggi, anche le Olimpiadi 2026. Un gruppo il cui compito è quello di mettere a disposizione le migliori tecnologie, expertise, know how, racchiusi nelle centinaia di imprese del nostro territorio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alberto Zanatta, presidente di Tecnica Group, che con marchi come Nordica, Tecnica e Blizzard è uno dei grandi player internazionali del mondo degli sport invernali, commenta il risultato con queste parole: «Sono ovviamente entusiasta per Cortina e per Milano, questa è una grande soddisfazione ed un’opportunità ulteriore per le aziende del territorio, del distretto dello Sportsystem di Montebelluna e per tutta l’industria sportiva italiana. Potremo creare un circolo virtuoso che promuove le discipline invernali, la tecnologia e qualità made in Italy e il turismo. Credo che ne beneficerà soprattutto Cortina: grazie al Mondiale si sta rinnovando, alberghi e impianti sono già all’opera, Milano è già oggi forse una delle più belle città europee che ha saputo aggiornarsi e modernizzarsi dopo l’Expo; l’Olimpiade ha però un peso planetario e porterà finalmente quelle infrastrutture di cui le città hanno bisogno, per Cortina significherà rilanciare il suo fascino unico, senza limitarsi a vivere nel sogno dei fasti passati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento