Sorpreso a molestare donne e ragazzine: portato in ospedale palpeggia le infermiere

Protagonista della vicenda un 45enne di origini indiane residente a Mansuè. L'allarme è scattato sabato scorso nelle vie di Oderzo. L'uomo, con disturbi psichici, è stato denunciato

Attimi di grande paura, sabato scorso, in centro a Oderzo dove un uomo di 45 anni con gravi problemi psichici ha terrorizzato due donne e una ragazzina cercando di molestarle in strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso" tutto sarebbe cominciato nel primo pomeriggio quando una ragazzina sarebbe stata avvicinata dall'uomo che avrebbe cercato di violentarla vicino al parcheggio di viale Gasparinetti. La giovane è riuscita a fuggire e a lanciare l'allarme. Poco dopo, verso le 18.30, il molestatore è tornato all'attacco iniziando a seguire una donna che stava recandosi a prelevare al bancomat nella zona di via degli Alpini. Vedendo che il molestatore la seguiva con fare sospetto, la donna è riuscita a chiudersi in tempo dentro al bancomat e l'arrivo provvidenziale di un altro cliente ha messo in fuga l'uomo. Poco dopo, verso le 19.30, il 45enne si è spostato nella centralissima via Garibaldi dove ha provato a molestare una passante davanti alla vetrina del negozio di ortofrutta Momesso. Un passante, accortosi della scena, ha subito chiamato i carabinieri e con gran sangue freddo ha fermato il molestatore fino all'arrivo degli uomini dell'Arma. A quel punto il 45enne è stato portato in ospedale a Oderzo per i controlli anti-droga a cui è risultato negativo ma a questo punto ha aggravato ancor di più la sua posizione perché ha eluso la sorveglianza ed è andato a palpeggiare le infermiere del reparto di Ginecologia. L'uomo, di origini indiane ma residente a Mansuè, era senza documenti al momento del fermo. Denunciato e fotosegnalato è stato riaccompagnato a casa dalle forze dell'ordine. Le infermiere, capendo il grave stato di salute psichica dell'uomo non hanno voluto sporgere denuncia nei suoi confronti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento