Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il suono della cornamusa per ringraziare chi ha combattuto in prima linea contro Covid-19

L'iniziativa é della Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier presidio ospedaliero convenzionato e del Centro Servizi Villa delle Magnolie

 

“Ora siamo liberi” è la speranza di oggi. E’ la speranza di ognuno di noi perché mai come in queste settimane si è compresa l'importanza della libertà. Sono state le note di “now we are free” dal Gladiatore suonate dalla cornamusa di Francesco Zuccarello con la voce di Alessandra Panizzo a dire GRAZIE a tutti i camici bianchi, gli operatori della sanità che giorno e notte sono stati in prima linea per salvare tante vite umane. L'iniziativa é della Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier presidio ospedaliero convenzionato e del Centro Servizi Villa delle Magnolie.

«L'emergenza coronavirus ha sconvolto la nostra quotidianità. Ha portato tanta sofferenza ma è stato proprio in questi giorni che si è capito il grande valore del lavorare insieme. Un grazie particolare a tutta la sanità veneta, ai medici, infermieri, operatori sanitari, amministrativi a tutti quelli che, mettendo a repentaglio anche la propria vita hanno "combattuto" contro il coronavirus per salvare tante vite umane ma anche a quanti hanno continuato a garantire il proprio impegno in ambito socio sanitario come tutti i nostri dipendenti della Casa di Cura Giovanni XXIII e del centro servizi Villa delle Magnolie. E’ stato anche grazie a loro che le nostre strutture si possono definire Covid-Free»: ha commentato Gabriele Geretto Amministratore delegato della Giovanni XXIII.

Davanti alla Casa di Cura e al Centro Servizi, rispettando le norme di distanziamento sociale e muniti di mascherine al volto, si sono riuniti oltre un centinaio tra medici, infermieri, operatori sanitari, amministrativi e tecnici. Presente anche il dottor Antonio Farnia, direttore dell’unità operativa di anestesia e rianimazione del Ca' Foncello. “Sono stati due mesi veramente difficili e la cosa che più ricordo è l'aiuto di tutti.  Dagli operatori della portineria ai medici in prima linea alla popolazione che ha capito l'importanza di stare a casa. Senza di loro non ce l'avremmo fatta. Grazie anche alla Casa di Cura Giovanni XXIII che proprio all'inizio dell'emergenza ci ha inviato i propri ventilatori polmonari che in quel momento non si riusciva a trovare. Sono stati importanti per salvare tante vite umane - ha detto il dottor Farnia - Sarà difficile dimenticare gli occhi di quei pazienti che coscienti capivano di quanto drammatica fosse la situazione.  Ma ce l'abbiamo fatta e secondo me ce la stiamo facendo”

Dalle finestre e terrazze l'emozione dei pazienti della casa di cura e degli ospiti anziani del centro servizi si è trasformata, alla fine, in un grande applauso; un grazie sincero a quelli che il dottor Marco Bassanello primario del Pronto soccorso della Giovanni XXIII e Covid Manager ha definito i veri EROI DEL 2020.

WhatsApp Image 2020-05-07 at 17.05.04 (1)-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento