Monastier: il Festival delle Abbazie si chiude con il nuovo spettacolo di Pennacchi

All'Abbazia del Pero ci sarà "Una nuova primavera" sulle tematiche della Grande Guerra. In scena anche Giorgio Gobbo, il pittore Vittorio Bustaffa e il Coro Monte Venda

MONASTIER Ultimo appuntamento con il Festival delle Abbazie, che ha visto le millenarie abbazie di Nervesa e Monastier ospitare concerti e spettacoli, per commemorare insieme la Battaglia del Solstizio che esattamente 100 anni fa portò al bombardamento di entrambi i complessi benedettini. A chiudere la rassegna sarà una sorta di debutto assoluto: Andrea Pennacchi, noto attore/autore di teatro e protagonista di fortunate produzioni cinematografiche e televisive, porta a Monastier di Treviso “UNA FEROCE PRIMAVERA”, una produzione di Teatro Boxer sulla Grande Guerra, nata quattro anni fa da ArteVen come lezione-spettacolo per le scuole, ma ora “ripensata” e riadattata per la prima volta per il palcoscenico.

“UNA FEROCE PRIMAVERA” andrà in scena venerdì 13 luglio alle ore 21:00 all'Abbazia di Santa Maria del Pero a Monastier. Al nucleo iniziale dello spettacolo, composto da Andrea Pennacchi e Giorgio Gobbo, chitarrista della Piccola Bottega Baltazar, si sono uniti il pittore Vittorio Bustaffa, che realizzerà in live painting una grande illustrazione sulla Battaglia del Solstizio, ed il Coro Monte Venda.

«Ad ogni replica nelle scuole, “UNA FEROCE PRIMAVERA” si è arricchita di nuove voci e nuovi episodi – racconta Andrea Pennacchi – perché la Grande Guerra da queste parti è patrimonio comune, memoria, territorio. È una prospettiva un po’ sbilenca la nostra, lontana dalle retorica della “grande guerra patriottica”, ma rispettosa delle centinaia di migliaia di morti, della loro gioventù, dei loro sogni. E proprio di sogni - ed incubi - vorremmo raccontare, attraverso le parole di poeti e scrittori che in questa guerra furono coinvolti direttamente: D’Annunzio, Gadda, Comisso, Ungaretti, Montale, Hemingway, Kipling e altri ancora. Abbiamo realizzato che a 100 anni di distanza, la Grande Guerra poteva essere cantata sul palcoscenico proprio così: come un coro polifonico che dalle vicende personali di mio nonno Bepi, dalle parole di soldati semianalfabeti e grandi scrittori arrivi a disegnare un'unica Storia Comune. Ecco perché Vittorio Bustaffa, ecco perché il Coro Monte Venda».

Gli appuntamenti monastieresi del Festival delle Abbazie sono organizzati dal Comune di Monastier di Treviso e dall'associazione culturale Fiera Libre, con il sostegno economico di Arper – affermata azienda internazionale di sedute, tavoli e complementi di arredo per la collettività, il lavoro e la casa, con sede proprio a Monastier – e con il supporto logistico di Park Villa Fiorita e del conte Ninni Riva, che ha recentemente restaurato parte dell'Abbazia del Pero e che ha messo a disposizione gli spazi del porticato e il salone al coperto, dove verrà allestito lo spettacolo in caso di pioggia. L'ingresso allo spettacolo è ad offerta libera e responsabile, e si svolgerà regolarmente anche in caso di maltempo. Per maggiori informazioni è possibile contattare il Comune di Monastier al numero 0422 798525.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento