"Montebelluna in Rosa" per la solidarietà: consegnati ben 15.137 euro alla Lilt

Il sindaco, Marzio Favero: «Un plauso all’organizzazione e ai volontari che si sono spesi per mettere in piedi un evento così complesso dal punto di vita logistico e della sicurezza»

15.137 euro: sono quelli consegnati venerdì mattina in municipio alla referente montebellunese della Lilt, Diana Salogni. Una cifra raccolta durante la seconda edizione di "Montebelluna in rosa" che ha visto la partecipazione di quasi 4000 persone nella giornata di domenica 16 settembre. Organizzata dal Comune in collaborazione con la Pro Loco e l’associazione Runner di Conegliano, l’iniziativa nasce da un’idea della consigliera comunale, Annamaria Moretti che assieme all’assessorato allo sport e ai molti volontari, ha bissato ed esteso il successo dello scorso anno.

Interviene il sindaco, Marzio Favero: «Un plauso all’organizzazione e ai volontari che si sono spesi per mettere in piedi un evento così complesso dal punto di vita logistico e della sicurezza. Ed ancor più, viso il fine dell’iniziativa, e cioè quello di contribuire alle azioni della Lilt, così attiva in città per sostenere i malati di tumore».

Commenta la consigliera Annamaria Moretto: «Quasi 4000 mila euro in più rispetto alla prima edizione (erano stati raccolti 10.236 euro) sono il risultato anche del lavoro di tanti, dall’assessore Gobbo, al vicesindaco Severin che assieme al dottor Alitto hanno offerto la loro assistenza sanitaria, ai tanti volontari che si sono spesi: da quelli della Protezione civile, ai carabinieri in congedo, al comitato civico di guarda che ha allestito il ristoro a Mercato vecchio, agli alpini di Biadene e di Montebelluna, alla contrada di Posmon. Grazie davvero per l’impegno e la partecipazione». Inoltre, 1.000 euro saranno donati anche all’associazione La Libellula che ha dato anche quest'anno il suo contributo aiutando a imbustare le magliette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento