Montebelluna: al via il piano per mappare i luoghi più frequentati dai giovani

L'attività inizierà a luglio e andrà avanti per tutta l'estate. A eseguire la mappatura saranno un'assistente sociale dell’Ufficio servizi sociali e due operatori di strada

MONTEBELLUNA Mappare le realtà aggregative informali presenti sul territorio: è questo l’obiettivo del progetto sperimentale di educazione di strada predisposto dall’Ufficio Servizi sociali del Comune di Montebelluna nell’ambito delle politiche giovanili.

Obiettivo del progetto è quello di valutare le successive azioni sinergiche da attivarsi in collaborazione con i servizi specialistici dell’Azienda Ulss, la scuola, le realtà associative e di volontariato e le Parrocchie. La mappatura, che avverrà nel periodo estivo, punta a monitorare le realtà aggregative informali dove i ragazzi passano il loro tempo extrascolastico come la biblioteca, skate park, giardini pubblici, la stazione e sarà coordinata da una assistente sociale dell’Ufficio servizi sociali e due operatori di strada esterni. L’attività prevede l’attivazione di momenti di educazione di strada andando ad individuare e presidiare quei luoghi /non luoghi vissuti dai ragazzi e farne spazi di ascolto, confronto e partecipazione,con lo scopo principale di creare contatti, agganciare, in ottica di prevenzione, soprattutto i ragazzi più fragili offrendo la possibilità di avere una persona di riferimento, nella figura dell’educatore di strada.

Spiega l’assessore alle Politiche giovanili, Elisa Gobbo: “Questo progetto intende raccogliere gli interessi e le proposte di attività da realizzare in un secondo momento e promuovere l’incontro con adulti di riferimento che vivono e gestiscono gli spazi in cui i ragazzi vivono il loro tempo libero. Gli educatori, oltre a mappare i luoghi di aggregazione frequentati dai giovani, avranno anche il compito di conoscere i gruppi di ragazzi e costruire una iniziale relazione con loro, osservare i comportamenti dei ragazzi per raccogliere i bisogni e le risorse dei soggetti, individuare i giovani che già sono in carico e/o segnalati ai servizi e valutare la possibilità di connettere i gruppi con altre realtà del territorio”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento