La provincia di Como dedica un monumento a Iroso, l'ultimo mulo Alpino

Il cippo in bronzo realizzato dallo scultore Bruno Gandola sarà inaugurato domenica 24 novembre a Cerano d'Intelvi. L'iniziativa voluta dai gruppi Alpini di Como e Cerano

In foto il mulo Iroso (Foto d'archivio)

Non solo Vittorio Veneto: il mulo alpino Iroso avrà un monumento anche a Cerano d'Intelvi, piccolo comune sulle montagne della provincia di Como che, domenica 24 novembre omaggerà l'eroico asino inaugurando una speciale scultura a lui dedicata.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso" l'opera in bronzo è stata voluta dagli Alpini di Como e Cerano d'Intelvi per rendere omaggio a un animale simbolo dell'impegno e dello spirito alpino durante la guerra. Il cippo è stato realizzato dallo scultore Bruno Gandola e sarà presentato alla cittadinanza domenica mattina con una messa in programma alle 10.30 e alle 11.15 la benedizione della scultura in Via alla Costa. Per l'occasione arriveranno nel Comasco anche le Penne Nere di Vittorio Veneto e Cappella Maggiore guidate da Toni De Luca, storico custode del mulo Iroso. Una cerimonia che si preannuncia toccante e piena di emozione in ricordo dell'ultimo asino militare del reparto Salmerie dell'Ana di Vittorio  Veneto. La scultura che sarà inaugurata domenica in provincia di Como è solo l'ultima di una lunga serie. Iroso può vantare infatti monumenti in molte città d'Italia: da Roma a Belluno passando, come detto, per Vittorio Veneto e ora anche in provincia di Como. Dimenticarlo è impossibile.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento