Male incurabile, ingegnere e padre di famiglia muore a soli 46 anni

Vittorio Veneto piange Antonio Piccin, grande appassionato di montagna, aveva lavorato a progetti internazionali molto importanti. Lascia una moglie e due figli piccoli

In foto: Alberto Piccin

Un'altra giovane vita stroncata dalla malattia in provincia di Treviso. L'ingegner Alberto Piccin è morto a soli 46 anni per una male incurabile contro cui stava combattendo già da diverso tempo.

Come riportato dal sito "Qdpnews", Alberto Piccin era un grande appassionato di montagna oltre a essere un padre di famiglia molto premuroso. Insieme alla moglie Fabiana avevano due figli piccoli. Ingegnere molto professionale e dedito al lavoro si era occupato di cantieri prestigiosi e internazionali tra cui la metropolitana di Riad, in Arabia Saudita, progettata dall’archistar Zaha Hadid, anche lei scomparsa di recente. Volto noto nella zona del Vittoriese e di Pieve di Soligo, Alberto Piccin è morto all'ospedale di Vittorio Veneto. La sua salma troverà riposo nel cimitero di Ceneda. Oltre alla moglie e ai due figlioletti, Piccin lascia la mamma Luigina, il papà Bruno, la sorella Daniela e tantissimi conoscenti e amici che oggi piangono la sua scomparsa. I funerali del quarantaseienne saranno celebrati lunedì 25 febbraio, alle ore 14.30, a Vittorio Veneto.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento