Multe fino a 100 euro per chi non raccoglie gli escrementi dei propri cani

A deciderlo è il Comune di Oderzo in collaborazione con la polizia locale. Aumentati i controlli, stretta anche sui roghi non autorizzati, sempre più frequenti nelle ultime settimane

Roghi di ramaglie e scarti agricoli senza autorizzazione, scattano i controlli (e le sanzioni) da parte della polizia locale. Nelle ultime settimane diversi cittadini hanno segnalato all’amministrazione comportamenti poco consoni in tal senso, soprattutto nelle ore serali. Da qui la decisione del nuovo comandante della municipale Andrea Marchesin di monitorare la situazione; e, nel caso, elevare specifiche sanzioni amministrative (da regolamento, da 50 euro fino a 250 euro).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una stretta che riguarda pure la mancata raccolta delle deiezioni canine sull’argine del Monticano e sul suolo pubblico in generale. «Proveremo nuovamente a dotare i dispenser presenti in città con appositi sacchetti, nella speranza che questi vengano utilizzati in maniera corretta – sottolinea l’assessore alla polizia locale, Enrico Patres - Ci preme comunque ricordare che i proprietari sono obbligati ad uscire in passeggiata muniti di specifica attrezzatura finalizzata a raccogliere le stesse deiezioni canine». Proprio in questi giorni gli agenti, in borghese, stanno portando avanti speciali controlli in centro e nelle frazioni. Chi viene colto senza la necessaria strumentazione (in particolare, sprovvisto di sacchetto) incorre in una sanzione di 50 euro. Ulteriori 50 euro di multa in caso di mancata raccolta, sempre secondo quanto previsto dal relativo regolamento comunale. Entrambe le questioni, peraltro, «sono molto sentite dalla cittadinanza. Da parte nostra desideriamo venire incontro alle richieste dei residenti per il bene della collettività», conclude l'assessore Patres.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento